Risparmio – Gli italiani lontano dal mercato equity

A
A
A

Secondo l’indagine compiuta da Soldi Sette di Altroconsumo gli italiani preferiscono investire nel mercato obbligazionario. Ancora poca fiducia nel mercato azionario.

di Redazione29 dicembre 2009 | 10:00

Risparmiatori alla ricerca di più sicurezza: minor voglia di investire in azioni, mentre il maggior desiderio è per le obbligazioni. E’ ciò che emerge dall’analisi dei risultati della rilevazione di dicembre 2009 dell’indice di Soldi Sette, realizzata da Altroconsumo.

L’indice, che oscilla tra un minimo di 0, lo scenario più cupo in assoluto, a un massimo di 200, indice di sfrenata euforia, si è attestato nell’ultima rilevazione a quota 102,2, ancora in zona ottimista ma in calo rispetto a settembre (indice a 112,9). Non sorprende quindi, vista la situazione, la minor voglia di investire in azioni (indice da 105,6 a 101,5) e il maggior desiderio di obbligazioni (da 102,3 a 106,5).

A tal proposito – commenta Vincenzo Somma, direttore di Soldi Sette – escludiamo altre contrazioni dell’economia e riteniamo che la ripresa sarà solo lenta e graduale. A rallentarla ci sarà la disoccupazione, ancora in crescita, e gli sforzi per rientrare dai deficit pubblici esplosi per contenere i danni della crisi. Tutto questo se all’orizzonte non ci saranno altri casi come quelli di Dubai e della Grecia che potrebbero scompaginare le carte.

La rilevazione dell’Indice di Soldi Sette è effettuata trimestralmente, attraverso un campione di risparmiatori, intervistati telefonicamente sulle aspettative di evoluzione della propria situazione finanziaria nei dodici mesi successivi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I fondi battono la ritirata

Banche, prestiti col vento in poppa

Investimenti, una UE dai due volti

Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Mercati, lo scossone turco

Pictet: biotecnologie, che forza!

Il private banking (non) made in Italy

Investimenti, il peso della guerra commerciale sul settore energetico

Consulenti, linee guida d’autunno

L’efficienza dell’affitto

L’efficienza dell’affitto

Investimenti: Lira turca, l’emergenza continua

Amiral Gestion sbarca in Italia

Credem fa il pieno di clienti

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Obbligazioni, Deutsche Bank si tinge di Green

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Investimenti, tentazione biotecnologie

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Che forza la raccolta di Fineco

Investimenti, il 2018 è un anno di transizione

Anasf day, un autunno in Toscana

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Banco Desio, una semestrale all’insegna della solidità

Ing mostra i muscoli nel commerciale

Anasf, la formazione integrativa per i consulenti

Consulenza, la correttezza dell’informazione è essenziale

Doris: il bancario-travet è morto

Jupiter AM, dividendo e utile da leccarsi i baffi

Candriam, sostenibili per vocazione

Mercati: ipo non lascia, raddoppia

Ti può anche interessare

La previdenza dei commercialisti ancora con Societe Generale SS

La società rinnova il mandato con la cassa nazionale dei dottori commercialisti per i servizi di ba ...

Unieuro oggi batte un poco meno forte a Piazza Affari

UNIEURO FRENA A PIAZZA AFFARI – Unieuro in calo a Piazza Affari dove il titolo è indicato a 1 ...

Il fintech bussa in casa Anasf

Seminaro dell'associazione a Perugia, il 13 giugno ...