Il coronavirus potrebbe avere un effetto positivo per queste 5 azioni

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 13 Marzo 2020 | 11:30

Da quando l’emergenza del Coronavirus è scoppiata in Cina e successivamente in Italia, è stato fin da subito chiaro a tutti che le conseguenze di questa situazione sarebbero state non solo sanitarie ma anche economiche. Oggi viviamo in un mondo globalizzato dove le attività economiche e finanziarie sono strettamente connesse, quindi una forte contrazione delle attività produttive in determinate aree del mondo possono avere effetti sull’economia di diversi paesi.

Borse al ribasso in tutto il mondo

A soffrire in questo periodo non è però solo l’economia reale, piegata dal calo del turismo e dalla necessità di ridurre gli spostamenti da parte dei cittadini per evitare i contagi, ma anche la finanza. Si tratta di un vero e proprio crollo, che è particolarmente accentuato in Italia – il Paese più colpito in Europa dal contagio – ma che è generalizzata a tutte le piazze finanziarie europee e mondiali.

In totale, le borse del Vecchio Continente hanno perso nelle prime due settimane dopo l’inizio dell’emergenza ben 1.300 miliardi di capitalizzazione e il trend, purtroppo, è tutt’altro che positivo. Sulla scia delle performance negative delle borse europee ed asiatiche, anche i listini americani hanno accusato il colpo, facendo segnare pesanti perdite. A Wall Street la seconda settimana di marzo si è aperta con un profondo ribasso, nell’ordine del 7% per il Dow Jones, per il Nasdaq e per lo S&P 100, che ha portato alla sospensione delle contrattazioni per 15 minuti.

Alcuni titoli in controtendenza

Se la situazione generale dei titoli in borsa di profonda crisi, questo non vuol dire che alcuni titoli selezionati non possano performare bene, o per lo meno, mostrare perdite molto ridotte rispetto alle altre azioni. Prendiamo in considerazione cinque azioni di settori differenti:

  • Netflix
  • Gilead Sciences
  • Costco
  • 3M
  • Zoom Video Communication

Tra queste, le azioni Netflix sono quelle che hanno mostrato di reggere meglio l’attuale situazione, ma il colosso dello streaming non è il solo ad andare in controtendenza. Anche le azioni delle aziende farmaceutiche (come Gilead Sciences) che più sono impegnate nella ricerca e nella produzione di un vaccino contro il Coronavirus hanno fatto segnare un aumento della propria quotazione, in alcuni casi realizzando un vero e proprio rally. Tra i titoli che sembrano beneficiare della attuale situazione ci sono anche Costco, il gigante americano della distribuzione all’ingrosso, 3M, multinazionale che produce prodotti per la protezione personale e l’igiene, Zoom Video Communication, che fornisce servizi di conferenza remota attraverso il cloud computing.

Le aziende che possono trarre vantaggio dalla crisi sanitaria

Come è lecito immaginare, molti comparti dell’economia globale sono in forte sofferenza a causa dell’emergenza Coronavirus, ma sono presenti anche aziende e interi settori che potrebbero vedere le proprie attività in crescita. E può essere proprio questa la chiave di lettura per comprendere l’andamento in controtendenza di alcuni titoli azionari: si tratta di aziende e corporation che, con i cambiamenti imposti dal Coronavirus, hanno delle opportunità di sviluppare maggiormente il proprio business.

Netflix opera nel settore dell’intrattenimento via streaming: con l’imposizione della quarantena, o in ogni caso della limitazione delle occasioni di socialità, in molti Paesi del mondo le persone potranno avere più tempo a disposizione per usufruire dei servizi della compagnia, con un conseguente maggiore audience potenziale. In questo scenario, chi ha già Netflix potrebbe spendervi maggiore tempo, mentre chi ancora non è abbonato potrebbe decidere di farlo ora. In ogni caso, per il colosso americano il risultato si potrebbe tradurre in una crescita del numero di abbonati e delle ore di streaming.

Un caso simile, rimanendo nel settore tecnologico, è quello della Zoom Video Communication, una azienda americana non molto nota al grande pubblico, ma con una posizione leader nella nicchia delle videoconferenze. In particolare, questa corporation sviluppa software che si avvalgono delle più recenti tecnologie (a partire dal cloud) per realizzare videomeeting, chat online, lavoro condiviso online e altri servizi per aziende. Con la limitazione delle trasferte lavorative imposte dall’emergenza Coronavirus, non è difficile immaginare che la domanda per questo tipo di soluzioni crescerà in tutto il mondo. E questo può spiegare l’andamento azionario positivo del titolo della Zoom.

In conclusione, per gli investitori attenti alle opportunità, in questa fase discendente del mercato è fondamentale individuare una selezione di titoli in controtendenza su cui puntare fino a che la crisi finanziaria in atto non sarà terminata. Speriamo presto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, i fondamentali pesano di più delle correzioni di breve

Borse internazionali: il punto tecnico settimanale

Mercati, la Fed sacrifica la Borsa per cercare di salvare il dollaro

NEWSLETTER
Iscriviti
X