Il Covid-19 mette il turbo alla retromarcia del settore auto

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 18 Marzo 2020 | 17:30

Il sindacato dei lavoratori del settore auto Usa ha chiesto la chiusura degli impianti di Fca, Gm e Ford per due settimane, come misura per salvaguardare la salute dei lavoratori durante l’emergenza Coronavirus.

Dopo i recenti provvedimenti adottati in Europa (ieri annunciati anche da Volkswagen e Ford) si estende così anche al Nord America il blocco temporaneo della produzione.

In serata è stato infatti siglato l’accordo per “rivedere e attuare la chiusura parziale a rotazione degli impianti” insieme a nuove misure per la sicurezza dei lavoratori.

La stampa riporta dichiarazioni dell’ad Manley secondo le quali FCA continuerebbe comunque a lavorare per soddisfare un forte portafoglio ordini nordamericano sia per flotte che concessionari.

L’andamento dell’indice Euro Stoxx Auto

Uno scenario che inesorabilmente, si è nuovamente riflesso nelle quotazioni dell’indice Euro Stoxx Automobiles & Parts, benchmark di riferimento per i titoli azionari del comparto automotive europei, già colpito dall’ondata di vendite in scia alla diffusione del Covi-19.

Il paniere è infatti sceso al di sotto del supporto di lungo termine posto a 260 punti come è possibile notare dal grafico sottostante elaborato su base weekly, con un ribasso odierno del 5,5%.     G.R.

Il tren dell’Euro Stoxx Auto

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Auto, ecco come crescerà la domanda mondiale

Frena il settore auto soffre. Ma la ripresa sarà pronta

Il settore auto accelera. I target e gli Etf sull’EuroStoxx settoriale

NEWSLETTER
Iscriviti
X