Ftse Mib ancora alla ricerca di un valido supporto. Le blue chip sotto la lente

A
A
A
di Pietro Di Lorenzo 23 Marzo 2020 | 08:45

Il FtseMib ha disegnato una doji candle che ha archiviato la terza seduta positiva nelle ultime quattro. L’indice chiude la quinta settimana negativa consecutiva che porta il bilancio di marzo -28.44%. Ciò vuol dire che nelle ultime tre settimane si è “bruciato” lo stesso guadagno realizzato dall’indice nel 2019 (+28.28%)

La cosa sorprendente è che diverse Blue Chips considerate estremamente solide perdono oltre metà del proprio valore in questo primo scorcio del 2020: Mediobanca -56,66%, Leonardo -55%, Fiat Chrysler Automobiles -53,43% e Azimut Holding -49,72%.

Il FtseMib disegna una doji candle che archivia la terza seduta positiva nelle ultime 4. L’indice chiude la quinta settimana negativa consecutiva che porta il bilancio di marzo -28.44%. Ciò vuol dire che nelle ultime 3 settimane si è “bruciato” lo stesso guadagno realizzato dall’indice nel 2019 (+28.28%)

La cosa sorprendente è che diverse Blue Chips considerate estremamente solide perdono oltre metà del proprio valore in questo primo scorcio del 2020: Mediobanca -56,66%, Leonardo -55%, Fiat Chrysler Automobiles -53,43%, Azimut Holding -49,72%.

 

Nella scorsa ottava, complice la manovra coordinata a livello mondiale tra le principali banche centrali del mondo, abbiamo assistito a un rallentamento della pressione dei venditori.

Dal grafico settimanale del Ftse Mib è evidente la formazione di un interessante “HAMMER” che è una tipica figura candlestick che preannuncia una imminente reazione degli acquirenti. In un contesto “standard” sarebbe un pattern decisamente incoraggiante per aprire posizioni Long con una logica di “controbalzo”

Il problema è che siamo in condizioni del tutto peculiari in cui la pandemia in atto condiziona il comportamento degli investitori. In questo contesto di grandissima volatilità è certamente preferibile una operatività Intraday che come è evidente in questo articolo, premia particolarmente.

I titoli interessanti in ottica di breve termine

CNH Industrial ha disegnato una candela white closing marubozu che potrebbe essere il preambolo per un tentativo di rimbalzo.

Un violento sell off ha colpito FCA che perde oltre un quarto del proprio valore (-26.69%) negli ultimi cinque giorni. Il minimo toccato giovedì in area 5.5 euro potrebbe essere un bottom di periodo.

Atlantia strappa violentemente al rialzo chiudendo con un rialzo di quasi il 20%. Attentiamo un consolidamento al fine di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.

Interessanti segnali di reazione per Nexi che ha disegnato un Engulfing Bullish che riconosce (per la quarta seduta nelle ultime cinque) il supporto in area 8.6 euro. Possibile un tentativo di rimbalzo da questi livelli.

A cura di Pietro di Lorenzowww.sostrader.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il Fib aggiorna il top. Dax ed Euro Stoxx future in rincorsa

Mercati: Fib verso nuovi top, Dax ed Euro Stoxx future all’attacco delle resistenze

Borse internazionali: il quadro tecnico settimanale di Aldrovandi

NEWSLETTER
Iscriviti
X