Cerved, livelli interessanti per chi vuole operare

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Marzo 2020 | 10:45

Cerved in gran spolvero a Piazza Affari: dopo aver perso, a ieri, oltre il 42% nell’ultimo mese vedendo la sua capitalizzazione scivolare sulla soglia del miliardo di euro il gruppo di servizi finanziari, primo player italiano indipendente nella valutazione e gestione di crediti sia in bonis sia problematici e dei beni a questi connessi, rimbalza oggi con decisione dopo una prima seduta positiva ieri (+4,4%), dopo l’annuncio dell’interruzione delle trattative per cedere la controllata attiva nella gestione degli Npl e la decisione di non distribuire dividendi quest’anno.

Al momento in cui scriviamo il titolo, che ieri aveva chiuso a 5,255 euro, è sospeso al rialzo a +11%. Il quadro macro appare complesso, dato che la fase attuale, come per molti titoli e per l’indice Ftse Mib, può leggersi con una valenza doppia. Per chi è scarico di azionario i livelli attuali possono costituire infatti una interessante opportunità d’ingresso, con acquisti da distribuire nell’arco di più sedute sfruttando ulteriori eventuali debolezze. Per chi al contrario fosse ancora molto carico di azionario in portafoglio (sul titolo Cerved in particolare o in generale sul comparto dei servizi finanziari) ulteriori strappi al rialzo possono costituire occasioni per alleggerire e riportarsi ad un peso neutrale rispetto al proprio benchmark di riferimento.

Ciò premesso, il titolo Cerved compare tra le liste dei titoli preferiti di diversi broker proprio come rappresentante del settore dei servizi finanziari e potrebbe sfruttare l’impostazione positiva assunta dai mercati in queste ultime sedute dopo il varo di imponenti misure sia da parte delle maggiori banche centrali sia dei governi, in particolare da quello Usa (il Congresso ha raggiunto il sospirato accordo per dare il via libera a un piano di interventi fino a 2 mila miliardi di dollari). Ora gli investitori si attendono una decisione comune a livello Ue che possa evitare il deragliamento dell’economia italiana pesantemente colpita dalle misure di lockdown adottate per rallentare l’espansione dell’epidemia di Covid-19.

Il giudizio degli analisti su Cerved

Finora gli analisti fondamentali erano ottimisti sulle prospettive per Cerved, tanto che su 7 report emessi sul titolo ben 5 erano positivi e solo 2 neutrali (e nessuno negativo), con un prezzo obiettivo medio di 10 euro per azione che però potrebbe essere rivisto nelle prossime settimane man mano che la società e gli analisti aggiorneranno le previsioni sull’andamento delle attività nel corso del 2020. Anche così i livelli raggiunti e i livelli di ipervenduto toccati dall’indicatore di forza relativa (Rsi) autorizzavano ad attendersi quanto meno un rimbalzo tecnico che pare ormai partito.

In giornata le resistenze statiche, che potrebbero costituire i primi obiettivi del rimbalzo odierno, sono indicati a 5,65 e poi sui 5,90 euro per azione. In caso di prese di profitto che riportassero le quotazioni al di sotto dei livelli d’apertura i supporti sono invece a ridosso dei 5 euro e poi più in basso a 5,75 e a 5,35 euro per azione. Se i prezzi dovessero rimanere almeno per tre sedute sopra la soglia dei 5,90 euro la “stop loss” della strategia ribassista che vedeva 4,75 euro come obiettivo finale potrebbe dirsi pienamente raggiunta e dunque la strategia stessa verrebbe chiusa, dando ulteriore spinta al titolo per riavvicinarsi quanto meno ai 6 euro per azione.

Anche così rispetto ai target “ante pandemia” resterebbe un cospicuo margine rialzista, attorno ai due terzi del valore attuale. Prima di considerare ciò va peraltro tenuto presente che il trend primario, in fase di stabilizzazione a brevissimo-breve periodo, resta ribassista a medio e lungo termine, con prezzi, che ormai esprimono circa 14 volte l’utile normalizzato per azione, ancora sotto le medie mobili ponderate di breve, medio e lungo termine ossia a 20 (6,0775 euro), 50 (7,53 euro) e 200 giorni (8,216 euro) ma almeno sopra quella di brevissimo termine, a 5 giorni (5,385 euro).

Cerved a Piazza Affari negli ultimi 12 mesi

A cura di Luca Spoldi, Cefa, 6 In Rete Consulting Ceo (www.6inrete.it)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Raccomandazioni di Borsa: da A2a a UniCredit i Buy di oggi degli analisti

Mercati, commodity: le divergenze tra oro e petrolio e gli Etc a Piazza Affari

Materie prime: ecco il portafoglio in Etc con un rialzo superiore all’85%

NEWSLETTER
Iscriviti
X