Lady Doris sfida la crisi E non svaluta Mediolanum

A
A
A
di Redazione 11 Gennaio 2010 | 09:30
In casa Doris l’ottimismo è di moda. Ne è profeta da anni il fondatore dell’impero Mediolanum, Ennio Doris, che pur di fronte ai rovesci borsistici, non ha svalutato i pacchetti di titoli (da Mediaset a Mediobanca) che detiene tramite la sua cassaforte H-Invest.Ma anche la moglie di Doris, signora Lina Tombolato, non è da meno del marito…

di A. G.

…in quanto a visione borsistica all’insegna dell’ottimismo. Lo dimostrano i conti della sua cassaforte T-Invest, chiusi alla fine dello scorso maggio con un utile netto che è seccamente sceso dai 3,12 milioni di euro dell’esercizio precedente attestantosi a 431.335 euro, andati tutti a riserva con l’assemblea di pochi giorni fa. La moglie di Doris è azionista importante di Mediolanum poiché proprio tramite T-Invest possiede un pacchetto del 3,33%, rafforzato da un altro 3,32% detenuto a titolo diretto. Il totale delle immobilizzazioni finanziarie è salito da 127,89 a 129,44 milioni di euro e questo proprio perché madame Doris ha continuato a comprare titoli del gruppo bancassicurativo del marito: in particolare durante l’esercizio ha acquistato 544.000 azioni Mediolanum per un esborso complessivo di 1,53 milioni. “L’intero pacchetto – spiega la nota integrativa – è isrcitto al costo complessivo di 129,36 milioni di euro, corrispondente a 5,31 euro per azione”. Ebbene: “il valore di borsa a fine maggio 2009 – continua la nota – evidenzia una minusvalenza di 44,21 milioni di euro. Il medesimo valore alla fine di agosto avrebbe fatto registrare una minusvalenza di 21,1 milioni”.

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X