Federated Hermes: migliora la qualità del credito degli high yield a livello globale

A
A
A
di Stefano Fossati 1 Aprile 2020 | 15:00

“L’elevata volatilità dei mercati continua a sorprendere gli investitori. Il settore high yield è stato particolarmente colpito, in quanto la pandemia di coronavirus e l’incapacità dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e della Russia di raggiungere un accordo di riduzione delle forniture ha fatto precipitare i mercati”. E’ quanto osserva Andrey Kuznetsov, Senior Portfolio Manager di Federated Hermes.

“La scorsa settimana l’high yield a livello globale ha registrato il più grande rendimento positivo mai registrato in un solo giorno, sostenuto dagli annunci della banca centrale, dagli stimoli fiscali e dal de-risking iniziato il 21 febbraio”, sottolinea Kuznetsov. “Considerate le attuali valutazioni, l’High Yield risulta interessante: un’analisi degli ultimi due decenni mostra che l’asset class tende a offrire un pay-off migliore nell’anno successivo a quello in cui gli spread superano i 1.000 punti base (come è successo la scorsa settimana)”.

Fondamentali

“Permane una notevole incertezza sull’impatto finale del coronavirus“, aggiunge l’esperto di Federated Hermes. “Tuttavia, potrebbe esserci luce alla fine del tunnel. La qualità del credito all’interno del mercato globale high yield è attualmente molto più elevata rispetto ai precedenti ribassi. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che negli ultimi cinque anni il mercato dei prestiti è stato caratterizzato da una maggiore leva finanziaria, mentre l’aumento dei fallen angel – o delle imprese declassate ad alto rendimento – evidenzia che il rating medio del credito del mercato high yield è ora BB”.

Kuznetsov nota che “la quota di mercato con rating BB si attesta a un massimo storico del 58% (cfr. figura 1), mentre il segmento con rating CCC è attualmente pari all’8% – un record per il livello minimo. Questa tendenza è destinata a continuare. Mentre la perturbazione del mercato mostra come il riequilibrio degli indici sia stato rinviato, alla fine di aprile dovremmo vedere un’ondata di fallen angel entrare nell’indice globale high yield”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

Mercati a metà strada tra pandemia e nuova normalità, come investire in questa fase

NEWSLETTER
Iscriviti
X