Export-Import Bank, un’arma a doppio taglio per Boeing

A
A
A
Avatar di Redazione 14 Gennaio 2010 | 12:15
Mentre il settore aeronautico è in crisi in tutto il mondo, le fabbriche di Boeing continuato a sfornare aerei a ritmo serrato. Il segreto? La costruzione di un aereo su quattro viene indirettamente sostenuta dal governo americano grazie a Export-Import Bank, la banca creata dal governo americano nel 1934 per combattere le Grande Depressione.

Bob Morin, il vicedirettore generale di Ex-Im per i trasporti, è l’uomo chiave per Boeing. L’anno scorso i contratti con il colosso aerospaziale rappresentavano il 40% dei 21 miliardi di dollari di fatturato dell’agenzia. Ex-Im è un’agenzia atipica: fornisce garanzie del Tesoro alle banche per incoraggiare il prestito a chi acquista export americani. Se i compratori sono insolventi, Ex-Im si fa carico del debito. Nessuna azienda negli Stati Uniti è più legata ad Ex-Im Bank di Boeing, il maggior esportatore americano. Senza il suo aiuto, ha confessato un dirigente al Wall Street Journal, Boeing sarebbe stata costretta a ridurre la produzione quest’anno, mettendo a rischio centinaia di fornitori americani, migliaia di posti di lavoro e contratti del valore di miliardi di dollari. Gli scettici ritengono che il ruolo di Ex-Im Bank possa in qualche modo annacquare il mercato – per molti fin troppo fornito di aeroplani – e che di fatto l’ingerenza di Washington non sia molto diversa da quelle nei settori finanziario e automobilistico. «Boeing da anni beneficia di un salvataggio preventivo» spiega Donald Doudreaus, professore di economia alla George Mason University di Fairfax, Virginia. «Se da un lato Ex-Im non pesa sul bilancio federale – continua Doudreaus – dall’altra i contribuenti sono però responsabili per gli oltre 70 miliardi di dollari di prestiti sui suoi bilanci». Boeing rifiuta l’idea che il sostegno di Ex-Im Bank costituisca un salvataggio del governo. «L’agenzia è cruciale per la competitività di questo Paese – afferma Jim McNerney, amministratore delegato di Boing – dal momento che altri paesi sostengono le proprie esportazioni, eliminare Ex-Im oggi ci farebbe solo diventare meno competitivi».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

iFinance presentato alla trasmissione SoldiTV – VIDEO

Soldi, riparte la trasmissione dedicata al risparmio

Risparmio e Tv, la trasmissione Soldi sbarca su Twitter

Tv e finanza, Soldi torna dalle vacanze e trasloca su 7Gold

Andamento mercati

Tra Lazio e Juve vince la Roma

Riparte su Odeon Tv la trasmissione Soldi

Fiat promossa soltanto a metà

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

NEWSLETTER
Iscriviti
X