Neodecortech, nel primo trimestre aumenta il fatturato e cala il debito

A
A
A
di Stefano Fossati 8 Aprile 2020 | 13:30

A cura di Michelangelo Massara, Private Wealth Advisory

Neodecortech, società leader in Italia e specializzata nella realizzazione di film laminati di altissima qualità utilizzati nell’industria del mobile, nella pavimentazione (flooring) dell’interior design e nell’arredo navale, quotata sull’Aim Italia, ha comunicato che il fatturato netto consolidato al 31 marzo 2020 è stato di circa 33,3 milioni di euro e registra un incremento pari a circa 1,1 milioni (+3,4%) rispetto allo stesso periodo del 2019 (32,2 milioni).

La posizione finanziaria netta del gruppo nel primo trimestre dell’anno risulta pari a circa 45,6 milioni di euro, con una diminuzione di 2,4 milioni (-5%) rispetto allo stesso trimestre  2019 (48 milioni di euro), avendo pagato dividendi per circa 1,9 milioni lo scorso 18 marzo.

In una nota la società fa sapere che il Gruppo Neodecortech non ha riscontrato cancellazioni di ordini da parte dei propri clienti, nonostante il difficile contesto di mercato. Alcuni clienti hanno chiesto di modificare la tempistica di evasione di taluni ordini a causa della sospensione alla produzione nell’ambito delle misure finalizzate a prevenire la diffusione del contagio da Covid-19. La società comunica inoltre di aver risolto minori ostacoli logistico-organizzativi relativi alla fornitura di alcune materie prime, grazie a specifiche intese operative con i propri fornitori.

Per quanto riguarda l’operatività degli stabilimenti, l’attività produttiva procede regolarmente nei siti di Guarcino (FR) sia per le attività di Cartiere di Guarcino sia per quelle di Bio Energia Guarcino; negli stabilimenti di Filago (BG) e Casoli d’Atri (TE) sono regolarmente operative le attività amministrative e commerciali, mentre le attività produttive e di logistica riprenderanno non appena ciò sarà consentito dalla normativa in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica.

Al netto della chiusura momentanea limitata di una parte degli stabilimenti, per i quali la società si augura di poter riaprire i cancelli già dal 14 aprile, ora arriverà la parte più importante nei prossimi trimestri: limitare al minimo gli effetti del rallentamento mondiale in corso e cercare di confermare e rilanciare la leadership nei prodotti di alta qualità.

Obiettivi che potranno essere agevolati dal passaggio definitivo dal mercato Aim direttamente al segmento Star del mercato Mta, passaggio già richiesto a Borsa Italiana e che la società ha momentaneamente sospeso per l’emergenza Covid-19.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dove dirigere gli investimenti in vista dell’aumento dell’inflazione

Cribari (BlueStar): “C’è il rischio di una crisi di fiducia sul debito”

I governi controlleranno il debito grazie a politiche fiscali e monetarie

NEWSLETTER
Iscriviti
X