L’Europa deve fare ancora i conti con la crisi. Asia più forte

A
A
A
di Redazione 18 Gennaio 2010 | 11:30
Durante la riunione del Fondo Monetario Internazionale il direttore generale ha ribadito che è prematuro pensare ad un’uscita dall’exit strategy. Ci potrebbero essere dei rischi di nuova recessione.

Attenzione alle uscite premature dall’exit strategy. Nel corso della riunione odierna del Fondo Monetario Internazionale, il direttore generale del FMI Dominique Strauss-Kahn ribadisce quanto annunciato nella giornata di ieri, ossia che vi sono dei rischi di ‘un’uscita dall’exit strategy prematura’ dalle misure straordinarie per contrastare la crisi. In particolare il timore è che si possa dare il via a una nuova recessione a partire dal settore privato. “Se abbiamo un nuovo rallentamento della crescita – spiega – poi, davvero, non so cosa si potrebbe più fare per contrastare una nuova crisi“. 

La ripresa della domanda privata e quella dell’occupazione sono condizioni necessarie perché i governi possano iniziare a ritirare le politiche a sostegno delle loro economie, anche se la tempistica giusta dipende da condizioni specifiche in ogni paese, ha detto Strauss-Kahn. Per l’Europa infatti l’anno appena iniziato sarà veramente difficile, in quanto si troverà a pagare un conto dello crisi fino a ora rimandato: gli interessi sul debito pubblico. I governi del Vecchio Continente temono di dover affrontare anche la ripresa dell’inflazione e dei tassi di interesse i cui bassi livelli hanno contenuto finora i costi dell’indebitamento. Si stima una crescita dei rendimenti dei titoli governativi, a causa della combinazione di exit strategy.

 

Marek Belka, a capo del dipartimento europeo del Fmi, l’economia del continente non poggia ancora su basi solide. Il fondo prevedeva in ottobre una ripresa della crescita mondiale nel 2010 con un’espansione di 3,1%.
 

Per quanto riguarda invece i paesi emergenti la ripresa sembra più forte. La ripresa in Asia è più forte e più rapida rispetto alle stime di settembre del Fondo monetario internazionale. Cosi’ Strauss-Kahn.Il direttore generale dell’Fmi ha detto che Cina, India, Indonesia, Thailandia e altri Paesi asiatici ‘si stanno avvicinando agli stessi livelli di crescita pre-crisi’. ‘La ripresa – aggiunge – è ancora molto fragile’, ma ‘i segnali positivi ci sono’. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X