Tremonti, chiarezza sull’euroritenuta

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 20 Gennaio 2010 | 09:15
Il ministro dell’economia italiano all’Ecofin accusa il sistema di tassazione sul segreto bancario di inefficienza e chiede alla Commissione un rapporto che faccia luce sul suo funzionamento.

L’Italia, convenuta alla riunione Econfin, minaccia di porre il suo veto sulle questioni fiscali se non sarà fatta chiarezza sull’euroritenuta.
Il ministro Giulio Tremonti punta il dito contro Lussemburgo e Austria e afferma: “I want my money back”, rivoglio indietro i miei soldi.
Il ministro, infatti, è convinto che i due Paesi non versino all’Italia quanto dovrebbero per i capitatli italiani detenuti nelle loro bance, come previsto dall’euro ritenuta sul segreto bancario.
Tremonti chiede quindi alla Commissione Ue un rapporto di efficienza sul funzionamento di questo meccanismo: “C’è una forte asimmetria tra i flussi finanziari ufficiali e quanto poi i singoli stati effettivamente trattengono”, ha specificato il ministro che, dopo aver chiesto chiarezza, mostra un po’ di ottimismo sulla crescita dell’economia italiana, confermando che nel Programma di stabilità che sarà inviato a Bruxelles a fine mese il Pil sarà indicato all’1% contro lo 0,7% precedentemente previsto dal governo.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ecofin boccia quota 100

Manovra, va avanti la procedura Ue contro l’Italia

Ecofin promuove la manovra italiana e dà il via libera all’Estonia in Eurozona

NEWSLETTER
Iscriviti
X