Tentori (Axa IM): il coronavirus non è uno shock simmetrico

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 27 Aprile 2020 | 13:00

A cura di Alessandro Tentori, Cio di Axa IM Italia

L’epidemia colpisce tutti, persone fisiche e persone giuridiche. Spesso la politica fa uso di questa narrativa per spiegare ai contribuenti e ai partner politici la necessità di adottare misure straordinarie. La solidarietà è un sudario uniforme che ricopre la popolazione mondiale. A me questa lettura però non sta bene.

Non mi sta bene perché se è vero che dal punto di vista biologico un virus colpisce tutti indistintamente, è anche vero che gli effetti del contagio non sono uguali per tutti né a livello clinico né a quello socio-economico. Parlare quindi di uno shock simmetrico, uniforme non è corretto. A scopo illustrativo, vediamo alcuni esempi di asimmetria durante questa epidemia Covid.

Distribuzione del reddito e del patrimonio: il tema della diseguaglianza non è un tema nuovo, ma è comunque di attualità in questi mesi. Secondo la World Bank il 10% della popolazione mondiale sopravvive con meno di due dollari al giorno, quasi il 50% della popolazione con meno di 6 dollari al giorno. Secondo Oxfam, l’1% più ricco della popolazione mondiale detiene il 45% del patrimonio mondiale, ovvero due volte il patrimonio di quasi 7 miliardi di persone.
Accesso alla sanità pubblica: sempre Oxfam ci ricorda che ogni giorno 10 mila persone muoiono per mancanza di cure mediche a prezzi accessibili. Inoltre, ogni anno 100 milioni di persone impoveriscono per poter sostenere le spese mediche.
Telelavoro: una statistica delle Nazioni Unite evidenzia come negli Stati Uniti, oltre il 60% degli impiegati del primo quartile della distribuzione del reddito (cioè il 25% che guadagna di più) ha accesso al telelavoro. Nell’ultimo quartile, invece, meno del 10% della forza lavoro può permettersi di lavorare dal proprio salotto.
Finanza pubblica: guardiamo all’Eurozona, dove ci sono paesi membri come la Germania che contribuisce al Pil nominale per il 29% e che ha un rapporto debito/Pil inferiore al 60%. Altri paesi invece hanno un contributo al Pil sempre molto significativo, ma il cui spazio fiscale è ridotto. Questo è il caso di Francia, Italia e Spagna, che non a caso si trovano unite sul fronte delle misure europee per contrastare l’emergenza.

A mio avviso l’effetto socio-economico dell’emergenza da Covid non può essere uniforme, semplicemente perché le condizioni iniziali non sono uguali per tutti. Anzi, si nota una forte eterogeneità non solo tra i paesi, ma anche nella popolazione dei singoli paesi. Come fu già nel 2008, anche questa crisi aumenterà molto probabilmente la diseguaglianza. La risposta a questa crisi, sia politica, che monetaria e fiscale, deve quindi essere ottimizzata tenendo conto di queste evidenti asimmetrie.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco chi saranno vincitori e vinti del 2021

Italia, dal recovery plan quattro pilastri per il futuro

Azionario: torna l’avversione al rischio, ma il mercato riprenderà la corsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X