Commodity, +17% nel 2010

A
A
A
di Marco Mairate 21 Gennaio 2010 | 13:30
È questa la previsione di un sondaggio Bloomberg. Ma vietato affidarsi solo all’oro.Occhi puntati su argento e mais. Entrambi promettono ancora performance interessanti

Inizio di anno spumeggiante per i mercati azionari e le materie prime. Oro e petrolio tornano a macinare performance andando a toccare i massimi raggiunti lo scorso anno. Per questo gli esperti del settore continuano a suggerire gli investimenti in materie prime anche nel 2010 anno in cui questa asset class dovrebbe ottenere risultati migliori di azioni e obbligazioni.  Secondo un recente sondaggio di Bloomberg petrolio, mais, oro e palladio dovrebbero crescere di oltre il 17% nel 2010 mentre l´indice di commodity The S&P GSCI Enhanced Total Return Index (indice che segue l’andamento di 24 materie prime) dovrebbe segnare un progresso del 17,5% nel 2010, perlomeno secondo quello che prevede l’ufficio studi di Goldman Sachs.

Sempre secondo il sondaggio di Bloomberg, il petrolio dovrebbe salire del 17% nel 2010 fino a 92,50 dollari al barile grazie alla stretta produttiva dell’Opec intenzionata a sostenere i prezzi del greggio. Sul fronte hard commodities, secondo [p]Robin Bhar[/p] di Calyon Londra, il palladio dovrebbe raggiungere i 425 dollari l’oncia nel 2010, con un progresso del 4% sul 2009. Il platino invece dovrebbe chiudere l’anno a 1.550 dollari/oncia, con un progresso del 6%. Ma non tutte le materie prime ripeteranno gli exploit dello scorso anno. Il rame, per esempio, (cresciuto del 140% nel 2009) rimarrà intorno ai 6.800 dollari per tonnellata/metrica, sostiene [p]Jochen Hitzfeld[/p] di UniCredit Monaco.

Nonostante questi prezzi siano del 31% superiori alla media di prezzo del 2009 sono dell’8% inferiori alla chiusura del 31 dicembre scorso. Altri spunti per investire arrivano da Aamir Khan di Commodity-Online, secondo cui chi punta tutto sulla corsa dell’oro sbaglia, tralasciando altri prodotti altrettanto competitivi e con un buon upside per l’anno appena iniziato. Altri metalli, come argento e platino, hanno performato altrattanto bene lo scorso anno e regalato ottime soddisfazioni agli investitori.

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i target di Goldman Sachs su indici azionari, valute e commodity

Certificati, da Goldman Sachs quattro nuovi prodotti tematici

Etf, Goldman Sachs vuole lanciare negli Usa uno strumento sulla DeFi

NEWSLETTER
Iscriviti
X