Fellingham, in sala comando di Ignis

A
A
A

Il manager londinese è stato nominato responsabile degli investimenti obbligazionari della società di gestione britannica dopo 12 anni alla BlackRock.

di Redazione29 gennaio 2010 | 12:00

Chris Fellingham è il nuovo responsabile degli investimenti obbligazionari di Ignis Asset Management, società di gestione britannica con un patrimonio di circa 78 miliardi di euro, parte del gruppo assicurativo Pearl, quotato all’Euronext. Con oltre 25 anni di esperienza complessiva nel risparmio gestito, Fellingham farà parte del board di Ignis Am e avrà la responsabilità di un patrimonio di circa 55 miliardi di euro, affiancando Peter Reid, responsabile investimenti azionari e alternativi di della società.

Fellingham, proviene dalla divisione londinese di asset management di George Soros, dove aveva fatto il proprio ingresso nel 2008. In precedenza, ha lavorato per 12 anni in Blackrock/Merrill Lynch, ricoprendo il ruolo di capo del team londinese degli investimenti a reddito fisso, lo stesso che aveva avuto in Royal Insurance nei dieci anni precedenti.
L’ingresso di Chris Fellingham segue quello del nuovo direttore marketing Rob Page, proveniente da Liontrust, e rappresenta una tappa importante di Ignis AM nel perseguimento dell’obiettivo di diventare una delle prime cinque società di asset management nel Regno Unito.

“Uno dei nostri principali obiettivi sarà quello di accelerare lo sviluppo delle potenzialità nel settore degli investimenti a reddito fisso e rendere ancor più interessanti le nostre soluzioni per gli investitori. Ignis ha una grande reputazione nel segmento Fixed Income e l’obiettivo del team sarà quello di contribuire ad accrescerla ulteriormente in futuro”, ha commentato Chris Fellingham.

“L’esperienza e il know how di Fellingham saranno fondamentali nella realizzazione dei nostri piani che per il 2010 prevedono significativi investimenti finalizzati a potenziare le nostre capacità in termini di gestione degli asset e al rafforzamento del brand di Ignis, anche dopo la recente apertura del business nell’Eupopa continentale”, ha commentato Chris Samuel, amministratore delegato di Ignis Asset Management.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

State Street, cala la fiducia degli investitori (ma non in Europa)

Pubblicati oggi i risultati dello State Street Investor Confidence Index® (ICI) relativo a novembre ...

ASSET CLASS in edicola: “Gestori attivi per vocazione”

E’ uscito il numero di giugno del mensile ...

Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

Gli schemi commissionali adottati nel Regno Unito dopo i cambiamenti normativi degli ultimi anni ...