EuroStoxx 50, ostacolo a quota 2.950 punti

A
A
A
Avatar di Alessandro Aldrovandi 20 Maggio 2020 | 09:00

Il mercato azionario europeo sembra essere impostato al ribasso nel breve periodo, anche grazie all’andamento molto debole mostrato in chiusura della giornata di ieri. Per il Future EuroStoxx 50, comunque, potrebbe essere tornato il momento dell’ottimismo dato che nel giro di poche sedute sono state superate al rialzo sia la resistenza sul livello 2.800 che quella posta a quota 2.900. Ieri, in particolare, dopo un iniziale allungo che ha portato le quotazioni a realizzare un massimo sul livello 2.945 (area 2.950), il mercato ha subito un drastico ritracciamento fino a ritornare nell’intraday sotto quota 2.900. L’emergenza coronavirus, infatti, tiene ancora banco sul mercato, con forte incremento della volatilità e dei volumi di negoziazione.

Che lo scenario sia ancora negativo, comunque, lo dimostra anche l’impostazione tecnica del mercato. I prezzi, infatti, sono da considerarsi ribassisti in base sia all’indicatore Supertrend che all’indicatore Parabolic Sar, mentre la media mobile a 25 è diventata positiva da poco. Anche l’indicatore Macd ha già incrociato il proprio Signal. Da segnalare, inoltre, come l’indicatore RSI stazioni nella sua area di “ipercomprato”, nell’intorno del valore 71. Si rileva, infine, come sia presente un Gap Down ancora da chiudere sul livello 3.193.

I segnali di oggi sul Future EuroStoxx 50

Dal punto di vista operativo, secondo Finanzaoperativa.com, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 2.945 con un target nell’intorno dei 3.000 punti, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 2.863 con obiettivo sotto al livello 2.834.
(A.A.)


L’andamento di breve periodo del Future EuroStoxx 50

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il Fib alle prese con la media mobile a 25 giorni

Ftse Mib in stand-by. Quattro big cap italiane sotto la lente

Enel tenta un rimbalzo da supporto statico. I prossimi target

NEWSLETTER
Iscriviti
X