Risparmio gestito, tax rate consolidato: tra i big vince Azimut

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 22 Maggio 2020 | 09:30

Il commissario europeo dell’economia Gentiloni si è espresso di recente in merito alla politica fiscale aggressiva di alcuni Paesi dell’Unione. In particolare, il riferimento è a sei Stati: Olanda, Lussemburgo, Irlanda, Malta, Cipro e Ungheria.

E, anche alla luce dell’accordo franco-tedesco sul Recovery Fund, l’obiettivo primario espressamente indicato è quello di “migliorare il quadro UE per una fiscalità equa introducendo un’imposizione minima effettiva e una tassazione altretanto equa dell’economia digitale”. Sarà però estremamente difficile trovare un accordo a livello EU per introdurre un tax rate minimo.

In quest’ottica, gli analisti di Equita hanno comunque calcolato il tax-rate consolidato delle principali società del risparmio gestito quotate a Piazza Affari. Nel dettaglio, Azimut e Banca Generali (che hanno partecipate in Lussemburgo, dove si stima venga applicato un tax rate fino al 10-12%) hanno un tax-rate consolidato (relativo al 2019) rispettivamente del 14% e del 16% mentre Banca Mediolanum e FinecoBank (con partecipate in Irlanda) hanno un tax rate consolidato rispettivamente del 23% e del 30 per cento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un nuovo polo per puntare all’innovazione

Compensi ai top manager, pieni voti per Generali

Azimut LB, nuova operazione con Gellify all’insegna del digitech

NEWSLETTER
Iscriviti
X