Recovery fund europeo già scontato dai mercati

A
A
A
di Stefano Fossati 27 Maggio 2020 | 14:30

A cura di Matteo Paganini, Managing Director Italy di Pepperstone

Il nuovo recovery fund verrà presentato nella giornata di oggi al Parlamento Europeo. Ursula Von der Leyen spiegherà nello specifico come si intende fornire liquidità ai diversi Stati europei, tramite il programma che ha due parti da implementare. In primo luogo, il bilancio europeo, un quadro finanziario 2021/2027 per avere un’idea a livello di budget di cosa dovrà essere allocato nei prossimi anni per affrontare questi tempi bui, oltre al famoso recovery fund, definito uno “strumento per il rilancio”, la cui dotazione dovrà essere erogata tramite l’utilizzo di programmi Ue e, come tale, dovrà essere approvato all’unanimità dal Parlamento europeo, motivo per il quale esso verrà presentato in questa sede.

Ci concentreremo domani sulle tecnicalità del fondo, ci limitiamo a ricordare che i 500 miliardi che verranno messi a disposizione, in un mix tra prestiti e i così definiti fondi perduti, ovvero denaro che dovrà essere rimborsato collettivamente dai diversi Stati, indipendentemente da chi riceve tali soldi, vanno a integrare il più ampio piano di intervento approvato ad aprile, ovvero il programma Sure, i finanziamenti da parte della Bei e il Meccanismo Europeo di Stabilità.

La reazione dei mercati

Oggi saremo collegati alle ore 14.30 con la Cnbc per commentare a caldo la reazione dei mercati, dai quali non ci aspettiamo nulla di particolarmente eclatante, in quanto l’idea che tali fondi vengano messi a disposizione è a nostro parere inglobata nei prezzi. Attualmente continuiamo a vedere borse sostenute, sia in America che in Europa, con il Dax che ha iniziato a raggiungere i target studiati ieri e con il mercato che sta vendendo lievemente dollari, non tanto a causa di motivazioni macroeconomiche, quanto a causa del fatto che si mantengono le lievi correlazioni che vedono il biglietto verde venduto a finanziamento di acquisti di rischio, dopo il rastrellamento di liquidità avvenuto sulla vendita di tutti gli asset quando è scoppiata la crisi Covid.

Oro ancora in pausa

Continuano a confermarsi la mancanza di correlazioni tra oro e borse, così come tra oro e dollari, con il metallo giallo che di fronte a queste ondate di avversione e propensione al rischio, non riesce a prendere una direzionalità ben precisa. Occorre prestare molta attenzione ai suoi movimenti durante la giornata di oggi in quanto delle sue salite potrebbero indicare nervosismo tra gli operatori, propedeutico a tentativi di correzione da parte dei listini azionari (che come visto sono ancora attrattori di flussi di capitale). Stiamo seguendo con grande attenzione l’area posta a 1.692,50, dove se si dovesse formare una divergenza rialzista oraria, potremmo iniziare a studiare dei rimbalzi interessanti. Guardando i grafici con approcci più larghi, continuiamo a valutare l’area di 1.745 come zona oltre la quale potrebbero iniziare ad essere posizionate nuvole di ordini in grado di poter condurre a tentativi di apprezzamento interessanti, con 1.765 e 1.795 come livelli di potenziale attrazione.

https://pepperstone.com/it-it/market-analysis/untitlerecovery-fund-scontato-dai-prezzi-d/

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Fib e Dax al test delle medie mobili. Euro Stoxx 50 un passo avanti

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx tentano un movimento a V

Mercati, per Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 il recupero si prospetta faticoso

NEWSLETTER
Iscriviti
X