Ubp: il prezzo dell’oro continuerà a salire

A
A
A
di Stefano Fossati 27 Maggio 2020 | 15:00

A cura di Peter Kinsella, Global Head of Forex Strategy di Union Bancaire Privée (Ubp)

I prezzi dell’oro hanno registrato un notevole rimbalzo negli ultimi due mesi, passando dai minimi di circa 1.460 dollari l’oncia di marzo ai massimi di quasi 1.765 dollari l’oncia di fine maggio. Il calo iniziale è stato causato dai fondi che vendevano oro per fornire un margine alle posizioni azionarie in difficoltà. Un’analoga azione sui prezzi si verificò durante la crisi finanziaria del 2008-2009, nonostante l’allentamento della politica monetaria da parte delle banche centrali.

Il rally innescato dal metallo giallo da marzo riflette una serie di fattori. In primo luogo, il posizionamento è molto più pulito. All’inizio del 2020, secondo i dati Cftc, gli investitori hanno mantenuto una posizione a leva incredibilmente lunga. Il calo di marzo ha portato a un azzeramento del posizionamento lungo, il che significa che guadagni ulteriori erano più facili. In secondo luogo, le banche centrali hanno continuato ad allentare la politica monetaria. La Fed ha dichiarato che avrebbe acquistato obbligazioni societarie e fallen angel (obbligazioni corporate che hanno recentemente perso lo status di investment grade).

Si è trattato di una mossa senza precedenti, che ha offerto un supporto di base ai mercati. La Banca Centrale Europea ha ridotto i tassi sul Tltro. Ora addebiterà alle banche un tasso di interesse negativo del -1% per i prestiti triennali. Questo è un passo altamente innovativo che potrebbe portare adulteriori misure nei prossimi mesi. Si tratta di un contesto costruttivo per i prezzi dell’oro e i mercati sembrano essere d’accordo.

La prospettiva di un ulteriore allentamento della banca centrale, combinata con una forma esplicita di repressione finanziaria (controllo della curva dei rendimenti), ha fatto in modo che l’oro diventasse più attraente. Se gli Stati Uniti e il Regno Unito si orienteranno verso tassi di deposito negativi, a nostro avviso l’interesse degli investitori retail per il metallo giallo aumenterà in modo sostanziale. Ciò spingerà sostanzialmente il prezzo dell’oro a livelli più alti.

Crediamo che il metallo giallo offra un’ottima protezione per i portafogli. Se le banche centrali si muovono verso una lenta, ma implicita, forma di monetizzazione del debito, questo porterà a un costante aumento del prezzo dell’oro. Tuttavia, se le banche centrali saranno costrette a ricorrere all’helicopter money, ciò si tradurrà in incrementi enormi. Non è impossibile prevedere una situazione in cui prezzi si muovano lungo una parabola a livelli di circa 3mila dollari l’oncia.

Come minimo, pensiamo che il rapporto tra l’oro e la crescita della base monetaria negli Stati Uniti (M2) spingerà i prezzi a livelli di almeno 2.100 dollari entro la fine del 2021, con rischi saldamente al rialzo in questo scenario.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, l’oro perde smalto. I prossimi target e gli Etc a Piazza Affari

Top 10 Bluerating: bis d’oro per SG

Mercati, oro oltre la soglia dei 1.900 dollari. Tutti gli Etc a Piazza Affari

NEWSLETTER
Iscriviti
X