Perché gli Usa batteranno l’Europa e l’Italia

A
A
A
di Redazione 4 Febbraio 2010 | 10:45
Il 2010 ci porta un’economia mondiale trainata dall’Asia emergente, un’America che riparte più velocemente dell’Europa e un’Italia che cresce poco, in linea con i paesi dell’area euro. La crescita tra Europa e Usa diverge anche perché la produttività europea e italiana è diminuita…

di Francesco Daveri

…durante la crisi mentre negli Stati Uniti l’aumento della disoccupazione, con i suoi alti costi sociali, è stato almeno usato per aumentare l’efficienza aziendale nelle imprese sopravvissute.
Gradualmente, le previsioni ufficiali per la crescita 2010 e 2011 cominciano a indicare un netto miglioramento degli scenari economici. Dopo vari ritocchi verso l’alto dei diversi uffici statistici nazionali, ecco in arrivo l’aggiornamento delle stime del World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale e anche le Global Prospects della Banca mondiale. Per l’Italia, l’Istat aggiunge buone notizie congiunturali sull’andamento di fatturato e ordini industriali del novembre 2009. Tutti gli indicatori confermano un consolidamento dell’economia mondiale verso una ritrovata crescita economica.

Ritorno alla crescita, merito dell’Asia Emergente. Il Fondo dice che la crescita economica mondiale appare più sostenuta del previsto, con un +3,9 per cento per il Pil mondiale. Per il 2010, dunque, non solo si prevede un ritorno a una crescita positiva del Pil mondiale, diminuito del 2 per cento nel disastroso 2009, ma anche un ritorno a tassi non dissimili da quelli degli anni pre-crisi, quando la crescita era “drogata dalla finanza”. Sarebbe strano il contrario, del resto: con i tassi di sconto a zero o uno per cento, deficit pubblici oscillanti tra il 5 e il 10 per cento del Pil e debiti pubblici in rapida ascesa verso o molto oltre il 100 per cento del Pil, il dopo-crisi è a tutti gli effetti ancora un mondo drogato, dalla politica dei governi che hanno salvato quasi tutto il salvabile (tranne Lehman, un centinaio di piccole banche americane e la Japan Airlines) più che dalla finanza. Ecco perché dalle istituzioni di Washington escono numeri del tutto simili ai mesi pre-crisi e più grandi di qualche mese fa, quando la crescita attesa era di quasi un punto percentuale in meno. Dalla tabella 1 si conferma ancora più nettamente un dato già emerso in precedenza: se il 2010 ci porterà una crescita mondiale vicina al 4 per cento il merito sarà dei paesi in via di sviluppo e soprattutto degli asiatici emergenti (Cina, India, Indonesia, Corea del Sud) che cresceranno rispettivamente del 6 e dell’8,3 per cento, contro un più modesto 2 per cento dei paesi ricchi.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Usa: ecco perchè la disoccupazione può anche non tornare ai livelli pre-pandemici

Etf: al via il primo prodotto sul Bitcoin negli Usa

Mercati, Usa: conti bancari sotto esame Irs. L’alternativa Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X