Prima di investire sull’equity? Guardare le previsioni del tempo

A
A
A
di Redazione 8 Febbraio 2010 | 11:30
Secondo alcuni studi esiste un legame tra giornate soleggiate e ritorni positivo. Ma a New York…

di Alessandro Santoni

Una giornata nuvolosa potrebbe determinare a New York un’apertura negativa del New York Stoch Exchange (NYSE)?
Sembrerebbe di sì. Sono infatti molti gli studi che hanno trovato evidenza di un’alta correlazione tra il tempo atmosferico e la borsa. Andiamo per ordine.
La psicologia è ritenuta da tutti coloro che studiano da anni la finanza comportamentale una spiegazione valida all’inefficacia della Teoria dei mercati efficienti, che ha permeato la teoria economica a partire dagli anni ’70.
La Teoria dei mercati efficienti si basa sull’assioma che i prezzi delle attività finanziarie rischiose incorporano sempre tutte le informazioni disponibili relative ai fondamentali e che i prezzi possano variare solo in virtù di nuove informazioni che giungono sul mercato.
Il prezzo di un’azione, ad esempio, sarà uguale al valore attuale dei suoi dividendi futuri; esso cambierà solo a seguito di notizie in grado di modificarne i flussi di cassa. La finanza comportamentale sottolinea come sia evidente, invece, che gran parte delle operazioni che la gente comune compie in borsa vengono influenzate dallo stato d’animo, dalle sensazioni, dalle emozioni, che sono soltanto individuali, e condizionate dalla situazione contingente. Il processo di formazione delle decisioni e l’emotività che ne determina la presa, il contesto storico e sociologico, la numerosità e le caratteristiche degli investitori che nel tempo accedono al mercato, sono delle determinanti cruciali per l’andamento e il livello delle quotazioni. In questo senso molti ricercatori hanno cercato di dimostrare una qualche relazione tra le condizioni atmosferiche delle principali piazze finanziarie internazionali ed i relativi mercati azionari. Hirshleifer (2001) ha evidenziato un’alta correlazione tra giornate soleggiate e ritorni positivi di borsa in 26 piazze finanziare internazionali tra il 1982 ed il 1997.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X