Dow Jones, negli Usa è il più distante dal top. I target e gli Etf a Milano

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 11 Giugno 2020 | 16:00

Tra i sorprendenti indici azionari Usa il Dow Jones Industrial è sinora quello ancora più indietro nel recupero e distante dai massimi dello scorso febbraio con una performance ancora negativa da inizio anno del -5,4% e 2.580 punti dal top di circa quattro mesi fa.

Certo, anche per questo storico paniere il trend è tutt’altro che un problema per i rialzisti con una dinamica di fondo decisamente positiva e i corsi stabilmente inseriti in un canale ascendente dopo i mimini di metà marzo e gli indicatori tecnici sono prossimi all’ipercomprato. Tuttavia, in caso di un ulteriore allungo dell’azionario il Dow conserva un potenziale spazio di rialzo maggiore rispetto sia all‘S&P 500 sia, ovviamente, al Nasdaq.

I prossimi obiettivi tecnici del Dow Jones

Dal punto di vista operativo, al rialzo i prossimi target del Dow Jones sono individuabili in prima battuta ridosso della soglia tecnica e psicologica dei 28.000 punti e poi a 28.890, dove è a fine febbraio era stato aperto un gap ribassista. Ancora, sul top a 29.570 punti. Per contro, l’eventuale cedimento di 26.835 (stop loss o stop and reverse da adottare) innescherebbe una correzione verso 25.235 prima e 24.690 in seguito.

Il trend di medio termine del Dow Jones Industrial

Al rialzo a Piazza Affari sul Dow Jones è disponibile il seguente Etf: Lyxor Dj Indust Average Ucits Etf – Dist.    G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fib ed Euro Stoxx 50 al test delle resistenze di breve. Arranca il Dax

Forex: euro di fronte a un bivio

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 tentano un rimbalzo

NEWSLETTER
Iscriviti
X