Anche i ricchi preferiscono i bond

A
A
A

Il 26% del portafoglio dei grandi investitori sulle obbligazioni corporate e governative

di Giacomo Berdini9 febbraio 2010 | 11:30

Lo studio annuale condotto dall’Ufficio Studi Aipb sulla clientela private ha analizzato le dimensioni del comparto e la composizione dei portafogli, per fare luce sulle potenzialità del mercato e sulle scelte operate dai clienti, in modo da definire un quadro all’interno del quale il settore del Private Insurance inserisce la propria offerta, e capire di conseguenza quali direzioni è più giusto prendere per venire incontro alla domanda, soddisfacendo le richieste del ramo con un’offerta che si muova a 360 gradi.
Innanzitutto il report ha analizzato le percentuali del mercato potenziale italiano, calcolato in relazione alla dimensione della ricchezza totale delle famiglie con un patrimonio finanziario investibile superiore a 500.000 euro. Confrontando questi dati con l’andamento degli asset gestiti da strutture private specializzate, è emerso come la parte del mercato servita dal private banking si aggiri intorno al 40% del totale, e mostri una crescita esponenziale nel corso del tempo nonostante le ripercussioni della crisi. Negli ultimi 3 anni, infatti, la porzione servita dal private è salita dal 40% del 2007 al 43% del 2009, con un trend di incremento destinato ad aumentare nell’arco di quest’anno.
All’interno di questo 43%, la composizione del portafoglio è articolata in prodotti diversificati, che vanno a comporsi essenzialmente in otto categorie. Il comparto dei fondi è quello che risulta tra i meno favoriti dalla clientela private, attirando il 6% della porzione servita. Subito sopra sta l’azionario, a quota 8%. Le obbligazioni corporate catturano il 10%, subito sotto la liquidità che occupa un valore medio dell’11% dei portafogli private italiani.
I titoli di Stato si mantengono forti a quota 15%, e ottengono pari preferenze al 16% le obbligazioni bancarie e le gestioni patrimoniali. Ciò che però risulta più interessante, soprattutto alla luce dell’analisi del mercato potenziale del Private Insurance, è che le famiglie italiane detengono in portafoglio una quota di prodotti assicurativi vita pari al 18%. La nuova produzione di prodotti assicurativi vita italiana è pari a 44,4 miliardi di euro e, all’interno di questa, la sezione dedicata alla clientela private rappresenta il 9,2%, per un valore complessivo di 4,4 miliardi di euro. Di questa quota, l’84% delle polizze vita dedicate alla clientela private è stato distribuito da strutture di private banking.
Il fatto che il mercato offra delle buone potenzialità è confermato inoltre dal fatto che ben il 64% dei clienti intervistati mostri una forte preoccupazione per quanto riguarda la possibilità di perdere il capitale investito, mentre il 32% teme di subire danni al patrimonio familiare.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il deficit italiano, tra Di Maio e le valutazioni Istat

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Blackrock punta sui buoni (del tesoro)

Consulenza per tutti i gusti da ITForum

Investimenti, l’impatto etico dei fondi azionari

Fondi, top e flop del 18/09/18

Economia, aut aut di Di Maio a Tria

Investimenti, occasione azionario

BlackRock: Investments 4 Tomorrow

Mediolanum CU tra arte, progresso e valore

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Mediolanum, gli afflussi navigano in acque tranquille

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Investimenti, il governo può spingere i btp

Asset Alloction: il gestore spiega l’impatto di un rating “basso”

Che cosa è “perfetto”?

Consulenza e certificati, il punto sull’efficienza fiscale

Mazzata olandese per Ing

Invesco, ecco il roadshow sugli etf

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Consulenti, 5 consigli per ripartire al top

Credem, la forza del leasing

Fidelity pensa già al dopo Draghi

Caso Galloro, l’affare si ingrossa

L’industria degli alternativi punta sulla marijuana

Una semestrale Mirabaudlante

I gruppi a misura di consulente su LinkedIn

Consulenti, la cultura fa la differenza

Investimenti: pic e pac, alternative a confronto

Rivivi il webinar “Investimenti senza frontiere: scopri il nuovo mondo dei certificati”

Broker Forex, allarme rosso sulle truffe

Ti può anche interessare

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Il servizio web "Fatture e Corrispettivi", temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre, sa ...

Fondi, così investono i private banker e i gestori di portafoglio

Indagine di Natixis Investment Managers su 200 buyer di prodotti del risparmio gestito a livello glo ...

Real estate, opportunità residenziale

Quarto anno di crescita per il mercato immobiliare residenziale ...