Nessuno frena la corsa dell’oro

A
A
A
di Marco Mairate 11 Febbraio 2010 | 10:00
Il ciclo rialzista del metallo prezioso rimarrà invariato per i prossimi dieci anni

Secondo l’esperto minerario australiano, Owen Hegarty, i prossimi anni sorrideranno a coloro che scommettono parte dei loro risparmi sui lingotti. Nonostante le recenti fluttuazioni (negli ultimi due mesi gli Etf che investono sull’oro hanno lasciato sul terreno tra il 2,2 e il 2,4% del loro valore, mentre i fondi di investimento attivi sulle aziende minerarie hanno perso tra il 3 e il 7,8%) l’esperto ritiene che il ciclo rialzista dell’oro rimarrà invariato per i prossimi dieci anni. L’oro, oggi come ieri, viene visto come uno strumento di copertura contro l’inflazione e le tante incertezze economiche ancora da venire. Secondo l’esperto, infatti, l’economia globale non può dirsi del tutto fuori dal pericolo di una maxi recessione o di un periodo di super inflazione legato all’enorme liquidità immessa dalle banche centrali per sostenere l’economia.
A questi driver macro si inseriscono anche ulteriori motivi strutturali a vantaggio dell’oro come il declino della capacità estrattiva, in calo dal 2001. Nonostante l’incredibile massa di denaro confluita nel settore minerario negli ultimi anni nessuna nuova miniera è stata scoperta. A questo si aggiunge una domanda mondiale in crescita, domanda che arriva non solo dal settore finanziario ma anche dall’industria privata e dalla gioielleria industriale. Circa il recente ritracciamento dell’oro, l’esperto sottolinea come alcuni investitori stiano facendo profit-taking sull’oro. Ma questo non dovrebbe comunque influenzare la crescita di lungo termine. Altro fattore che ha frenato la corsa dell’oro è il rally del mercato equity, che ha spinto alcuni investitori a lasciare le commodity per tornare sulle azioni.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borse internazionali: il quadro tecnico settimanale di Aldrovandi

Mercati: rallenta la Cina ma non il rally delle commodity

Borse internazionali: il punto tecnico della settimana di Aldrovandi

NEWSLETTER
Iscriviti
X