Hildebrand (ex presidente Bns): “L’attuale crisi economica non è grave come quella del 2008”

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 23 Giugno 2020 | 13:00

L’ex presidente della Banca Nazionale Svizzera (Bns), Philipp Hildebrand, ritiene che l’attuale crisi economica non sia così grave come la crisi finanziaria del 2008 e che le imprese non cambieranno radicalmente il loro modo di operare.

“Durante la crisi finanziaria, negli USA andò perso nel decennio successivo il 50% circa del Pil del 2008”, ha affermato Hildebrand in un’intervista pubblicata dal quotidiano romando Le Temps, come riportato dal sito web della Rsi. In Europa la cifra si aggirava intorno al 120% del PIL del 2008. Durante la crisi del Covid 19, questa cifra dovrebbe essere significativamente più bassa, sostiene l’ex presidente della Bns.

Perché l’economia possa ripartire sono tuttavia necessarie due condizioni. “La prima è di evitare che una seconda ondata del coronavirus si diffonda”. La seconda è di evitare una crisi bancaria. Grazie alle lezioni della crisi finanziaria e alle nuove regole, “il sistema finanziario si trova oggi in una posizione molto migliore rispetto al 2008”, sottolinea Hildebrand.

Anche la globalizzazione continuerà. L’attuale vicepresidente del gruppo finanziario americano BlackRock, leader mondiale nella gestione patrimoniale, non crede che la pandemia cambierà il modo di operare delle aziende. “La globalizzazione sarà diversa. Ma non scomparirà”, ha affermato Hildebrand.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, growth vs value: ecco chi e quando vince

Asset allocation, settori azionari: ecco vincitori e vinti

Asset allocation: bond, meglio l’Asia che gli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X