Pil in calo, i tedeschi rivogliono il Marco

A
A
A
di Redazione 12 Febbraio 2010 | 09:30
Inattesa flessione del prodotto interno lordo tedesco, che diminuisce dell’1,7 contro una stima d’incremento dello 0,2%. Secondo un’autorevole testata tedesca, la maggioranza dei cittadini vorrebbero lasciare la moneta unica.

Resta invariato il Pil tedesco nel quarto trimestre del 2009 rispetto al mese precedente. Tuttavia, se preso il riferimento annuale, si registra una diminuzione dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2008.

Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, si tratta di un risultato inatteso. Gli analisti, infatti, avevano previsto un aumento dello 0,2%. Secondo l’Istituto di statistica, invece, nell’arco dell’intero anno il pil è diminuito del 5%.
La flessione dei consumi privati e degli investimenti stanno frenando la ripresa tedesca.

Questo problema va ad aggiungersi ad altre questioni di cui Angela Merkel deve occuparsi con sollecitudine, in primis l’ostilità dei cittadini tedeschi verso il piano di salvataggio della Grecia di cui la premier tedesca si è fatta promotrice assieme al francese Nicolas Sarkozy.
Secondo l’autorevole Frankfurter Allgemeine, infatti, la maggioranza dei cittadini in Germania vuole tornare al Marco tedesco e abbandonare la moneta unica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti