Pil Eurozona in calo, il peggiori risultato in 39 anni

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 12 Febbraio 2010 | 10:30
Cala quasi del 5% il Pil del 2009 e in Italia del 2,8%. Se nel primo trimestre del 2010 questo trend dovesse continuare, c’è il rischio di cadere in una seconda fase di recessione.

I dati aggiornati sul prodotto interno lordo europeo sono stati portatori di brutte sorprese.
La recessione finanziaria che ha colpito l’economia globale nel 2008, ha avuto ripercussioni pesanti sul sistema per tutto il 2009, causando più danni del previsto.

La crescita economica dell’Eurozona, infatti, nel corso dell’anno appena trascorso ha subito una flessione che fa registrare il peggior risultato mai visto negli ultimi 39 anni; era dal 1971, anno d’inizio della serie storica, che non si accusava un calo del Pil così marcato.
Nel 2009 è sceso del 4,9%, quota che causa una crescita acquisita pari allo zero per il 2010.

L’Istat rileva che nell’ultimo trimestre dello scorso anno, il prodotto interno lordo italiano è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente, su base congiunturale, e del 2,8% rispetto al quarto trimestre 2008, su base tendenziale. La stima dell’Istat è molto al di sotto delle attese che si attendevano un aumento dell’0,1%.
La diminuzione congiunturale del Pil è il risultato di una riduzione del valore aggiunto dell’industria, di una sostanziale stazionarietà del valore aggiunto dei servizi e di un aumento del valore aggiunto dell’agricoltura.
Il quarto trimestre del 2009, peraltro, ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente ma una giornata lavorativa in più rispetto al quarto trimestre del 2008.

Il ritorno del sentiero di crescita in territorio negativo aumenta i timori di una seconda fase recessiva che si aprirebbe nel caso in cui il primo trimestre del 2010 riportasse un prodotto interno ancora in calo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Ti può anche interessare

Economia, la Lombardia mette la retro

Cocktail letale per una delle regioni più ricche d’Italia. La produzione lombarda, in sinton ...

Fondi, la grande sfida dei costi

Analisi de L’Economia del Corriere sulle voci di spesa del risparmio gestito con i rendiconti Mifi ...

Piazza Affari, la doppia faccia del 2020

Un anno da incorniciare per Piazza Affari questo 2019 appena passato, con l’indice Ftse Mib sa ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X