Mercati finanziari in equilibrio (per ora) tra ottimismo e timori

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 7 Luglio 2020 | 10:00

“In astrofisica, il “punto di Lagrange” è quella posizione esatta nello spazio in cui la forza sprigionata dai campi di gravità di due corpi celesti, in orbita uno attorno all’altro, è identica. In altri termini, è quel punto nello spazio in cui i corpi celesti possono rimanere in equilibrio duraturo. Così appare oggi la situazione sui mercati che hanno alternato, nelle ultime due settimane, sedute rialziste e ribassiste all’interno di una fascia orizzontale in cui oscillano a breve e medio termine grazie all’esercitarsi di forze opposte”. Ad affermarlo è Enguerrand Artaz, gestore de La Financière de l’Echiquier, che di seguito dettaglia la propria view.

Nel breve periodo, gli investitori sono combattuti tra l’ottimismo suscitato dalle ultime pubblicazioni economiche e i timori di una forte recrudescenza della pandemia, soprattutto negli Stati Uniti. L’ISM Manifatturiero passato da 43,1 a 52,6, il PMI cinese dei Servizi da 55,0 a 58,4 mentre era dato in flessione, o la solidità del Report sull’occupazione negli Stati Uniti con una creazione di posti di lavoro ben superiore alle previsioni e un tasso di disoccupazione in calo … sono altrettanti dati incoraggianti che vanno ad aggiungersi ai PMI positivi in Europa pubblicati la settimana precedente e che alimentano le speranze di una ripresa a V.

Nel contempo, la situazione sanitaria rimane preoccupante

Molti Paesi emergenti come l’India, il Brasile e il Messico, stentano a contenere la pandemia e si assiste a un incremento dei casi in Paesi finora poco colpiti, come il Giappone e l’Australia. Ma è soprattutto sulla situazione negli Stati Uniti che tutti gli occhi sono puntati dove si è raggiunto un nuovo record con 53.000 nuovi casi giovedì e un incremento dei ricoveri ospedalieri a Houston e Phoenix. Secondo Anthony Fauci, medico responsabile dell’unità di crisi della Casa Bianca, la pandemia è di nuovo “sfuggita di mano” negli Stati Uniti portando alcuni Stati a sospendere le misure di riapertura post-lockdown. Dopo il Texas, la California ha appena annunciato una nuova chiusura di bar, ristoranti e cinema. Lo spettro di un nuovo lockdown più massiccio aleggia sugli Stati del Sud del paese, soprattutto sulla Florida e l’Arizona, dove i dati sono particolarmente preoccupanti.

A più lungo termine osserviamo la stessa dicotomia tra prospettive incoraggianti e timori di nuove difficoltà

Sul fronte della speranza, prendiamo atto del progetto di piano di ripresa europeo che potrebbe già essere approvato durante il vertice del 17 e 18 luglio, di un secondo piano di ripresa negli Stati Uniti pari a 1.000 miliardi di dollari atteso entro la fine del mese, o dei recenti progressi nella ricerca su un vaccino contro il Covid-19, con risultati positivi ottenuti da Pfizer e BioNTech durante i loro primi trial sull’uomo.

Campeggiano, tra i timori, la politica e la geopolitica. Le elezioni presidenziali americane porteranno sicuramente volatilità, dovuta in particolare alla prospettiva di un aumento delle tasse qualora venisse eletto Joe Biden. Non è nemmeno da escludere un ritorno delle tensioni tra la Cina e gli USA mentre l’applicazione autoritaria della legge sulla sicurezza decisa dalla Cina nei confronti di Hong Kong potrebbe servire da pretesto per nuove rivalità. Infine, l’ultimo trimestre potrebbe vedere materializzarsi i segni duraturi della crisi, tra fallimenti di aziende e piani di esubero che il sostegno governativo non può evitare completamente.

Finché le forze gravitazionali di questi diversi elementi continueranno ad equilibrarsi tra loro è molto probabile che i mercati applicheranno la tecnica ciclistica del surplace. Tuttavia, l’esperienza insegna che l’estate raramente è tranquilla sui mercati. Resta da vedere da che parte penderà l’ago della bilancia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Alla ricerca di un maggiore equilibrio per le valutazioni

Equilibrio ritrovato per l’economia globale

Portafogli durevoli: tra gestioni attive e passive meglio una soluzione di equilibrio

NEWSLETTER
Iscriviti
X