Cina, l’impatto dei margin loans sul mercato azionario

A
A
A
di Stefano Fossati 9 Luglio 2020 | 19:00

A cura di Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte Sim

Di seguito un grafico che evidenzia come il forte recupero dei listini azionari cinesi sia stato reso possibile di fatto da una brusca ripresa dei margin loans, ossia dall’autorizzazione all’apertura di conti individuali presso broker che prestano soldi per acquisto di azioni. Il broker prende poi a garanzia i titoli acquistati e chiede eventuale reintegro della garanzia in caso di calo del titolo

Un fenomeno simile si verificò tra il 2014 ed il 2015. Da allora le autorità cinesi decisero di far sgonfiare la bolla dell’eccesso di leva, un trend che è andato avanti fino agli inizi del 2019. Ora i regulator cinesi pare stiano di nuovo tollerando i margin loans, nella speranza forse di redistribuire reddito tra i cittadini in difficoltà anche attraverso i mercati azionari. I cinesi sono tipicamente molto propensi al rischio azionario.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

A-share cinesi sempre più mainstream nei portafogli

Azionario cinese, che cosa aspettarsi dall’Anno del Bue

Cina, il segreto di una ripresa rapida in pandemia

NEWSLETTER
Iscriviti
X