Lo scudo 2 privilegia gli immobili

A
A
A
di Redazione 19 Febbraio 2010 | 08:15
Mancano meno di dieci giorni alla chiusura della seconda fase. Questa proroga sta privilegiando la regolarizzazione degli immobili, soprattutto di quelli detenuti fuori dall’Europa.

 Si concluderà tra qualche settimana la seconda fase dello scudo fiscale, iniziata lo scorso 30 dicembre, ma che ha innalzato l’imposta straordinaria al 6%. E già iniziano a comparire le prime osservazioni sui numeri e sugli effetti della proroga.

In particolare sembrerebbe che questa nuova fase abbia privilegiato la regolarizzazione degli immobili, che invece nella prima fase (conclusasi il 15 dicembre 2009), era stata più oggetto di dubbi, sciolti in parte dall’emissione della Circolare  49/E, emessa però soltanto a ridosso della scadenza.

Ecco perché è soltanto con la seconda fase che i proprietari di immobili all’estero, soprattutto quelli detenuti fuori dall’Europa, stanno valutando la possibilità di “rimpatriare” tali capitali soprattutto dopo che i nuovi obblighi del quadro RW spingono verso la regolarizzazione. E in particolare sembrerebbe che siano proprio le proprietà detenute nella white list a giocare un ruolo di primo piano.

Si vedrà se la fase tre, ossia quella che si concluderà il prossimo aprile, e a ridosso della scadenza porterà maggiori effetti. Sicuramente conoscendo gli italiani che si muovono soltanto a ridosso delle scadenze è probabile che sia così. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Bmo domina nell’immobiliare europeo

Top 10 Bluerating: Lemanik al top nell’immobiliare globale

Mercati, la trasformazione del premio al rischio nel real estate

NEWSLETTER
Iscriviti
X