Wall Street: 3 titoli dei semiconduttori capaci di dare grendi soddisfazioni

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 13 Marzo 2017 | 16:57

I MIGLIORI TITOLI GARP TRA I SEMICONDUTTORI USA – Il settore semiconduttori lo scorso anno ha visto un rialzo del 40% medio a Wall Street, quanto basta per attirare nuovi investitori alla ricerca di potenziali extraprofitti, visto anche le prospettive che si vanno aprendo per tecnologie quali l’intelligenza artificiale, la realtà virtuale o le auto a guida automatica. Quello che però non è sempre facile è trovare ciò che gli anglosassoni chiamano titoli “garp” (growth at a reasonable price), ossia un titolo a crescita che abbia ancora una quotazione ragionevole.

TRE NOMI SELEZIONATI DA SEEKINGALPHA – Gli esperti del sito SeekingAlpha hanno identificato un piccolo numero di produttori di semiconduttori che sembrano avere le caratteristiche desiderate ed in particolare Broadcom, Taiawn Semiconductor Manufactoring (Tsm) e Applied Materials. Non hanno invece passato l’esame nomi in alcuni casi anche più celebri, come Micron, Nvidia, Advanced Microdevices o Skyworks, perché pur essendo giudicati titoli interessanti o hanno già corso molto, o hanno prospettive di crescita limitate e non pagano dividendi, oppure dipendono troppo strettamente da singoli clienti come Apple.

ELEVATO RENDIMENTO COMPLESSIVO POTENZIALE – Si noti che sia Braoadcom, sia Tms sia Applied Materials sono già salite molto, ma continuano secondo gli esperti di SeekingAlpha ad avere un grande potenziale di generare un ritorno complessivo (ossia incremento delle quotazioni più rendimento da dividendi) elevato nei prossimi anni, con un “peg” (price/earnings/growth, ossia rapporto prezzo/utili confrontato con la crescita prevista degli utili stessi) inferiore a 1.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Digitalizzazione, opportunità di investimento nei semiconduttori: ecco quali

Coronavirus, per ora impatto limitato. L’analisi di Legg Mason

NEWSLETTER
Iscriviti
X