Teoria VS realtà

A
A
A
di Redazione 24 Febbraio 2010 | 08:30
Il mercato continua ad offrire spunti e riflessioni…

Capita spesso di avere una strategia di trading (un piano) che sulla carta (paper trading), oppure nel back test (se è un sistema algoritmico), ritorna risultati sorprendenti. I trade sono puliti e ordinati, sia in profitto che in perdita. Se non che, nel momento del passaggio dalla teoria alla pratica sul conto reale, cade gran parte di questa pulizia e ci si ritrova con ingressi leggermente in ritardo, profitti presi in anticipo, perdite che vengono lasciate accumulare. Ovviamente arriva a questo punto la stoccata finale, come il “Moralizzatore” di un noto show televisivo, che con il proprio dito indice predica incessantemente: “ahi ahi ahi! Il piano non lo segui mai!”.

In effetti di solito è così: premere il grilletto per entrare nel mercato vero rende le cose più difficili psicologicamente e quella titubanza rende gli ingressi meno precisi, oltre a indurci a prendere profitto quando ancora le condizioni permetterebbero di proseguire. In inglese si dice “plan the trade, and trade the plan” ossia: crea un piano e seguilo. Solo così rimaniamo davvero sinceri intellettualmente e potremmo agire con più fiducia. Il mercato continua a fornirci spunti e riflessioni, così come la giornata di ieri: sembrava tutto tranquillo quando è sopraggiunta un’ondata di avversione al rischio che ha coinvolto l’azionario, oltre al forex.

Il Dollaro è tornato a regnare su tutti tranne lo Yen, mentre le valute che ne hanno risentito di più sono state le commodity currencies (Aud, Nzd, Cad, Sek, Nok) che hanno risentito (specie il Cad) dello scivolone nel prezzo di petrolio e oro. Oltre all’avversione al rischio, è probabile che molti investitori abbiano ridotto la loro esposizione visto che oggi alle ore 15.00 GMT (ore 16 nostre) parla Bernanke della “sua” politica monetaria. Dovrebbe spiegare innanzitutto la ratio dietro l’innalzamento del tasso di sconto che ha scosso i mercati giovedì scorso, quindi è probabile che l’evento di oggi sarà proprio questo. Vista la “discesa libera” della fiducia dei consumatori USA (sceso da 56.5 a 46), Bernanke non avrà vita facile e le sue parole peseranno sul mercato come macigni. Per completare la panoramica sugli eventi di oggi, stiamo attenti al Consumer Confidence della Germania (ore 8.00), e ai New Home Sales USA (ore 16.00).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X