Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi14 marzo 2017 | 10:16

LA STERLINA PERDE COLPI – Il definitivo via libera giunto ieri da parte del Parlamento britannico al premier Theresa May che potrà richiedere alla Ue, presumibilmente già a fine marzo, di attivare l’articolo 50 e dare così il via ai 2 anni di trattative che sanciranno l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea fa perder quota alla sterlina, che stamane è indicata a 1,2148 contro dollaro e a 1,14135 contro euro.

AVVIO PROCEDURA BREXIT SARA’ RAPIDO – Una volta che la May formalizzerà la sua richiesta, ha già fatto sapere il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, la Ue risponderà nell’arco di 48 ore, organizzando un summit straordinario dei capi di governo dell’unione per stabilire linee guida a cui attenersi nelle negoziazioni che stabiliranno come avverrà il divorzio tra la Gran Bretagna e la Ue, summit che dovrebbe quindi tenersi agli inizi di aprile.

MORGAN STANLEY PREVEDE FUTURO RIMBALZO – Non tutti sono però convinti che l’avvio della procedura per espellere la Gran Bretagna dalla Ue porterà ulteriore debolezza sulla sterlina per un periodo esteso. Secondo Morgan Stanley, ad esempio, la sterlina appare “sempre più conveniente dal punto di vista delle serie storiche” e pertanto gli esperti sui cambi della banca d’affari statunitense “sono diventati più ottimisti sulle prospettive della valuta, fissando come obiettivo 1,28 contro dollaro per quest’anno e 1,45 contro dollaro per la fine del 2018”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Ti può anche interessare

Sorprese in vista dalle banche centrali

E' sempre più probabile un’inversione di tendenza nelle politiche delle banche centrali, ipotesi ...

Manovra, più poteri alla Guardia di Finanza contro l’evasione

Più poteri alle alla Guardia di Finanza. E’ quanto ha scritto oggi il quotidiano Italia Oggi, sec ...

Il grande ritorno dei conti di deposito

I tassi lordi massimi riservati alle somme vincolate per 12 mesi sono tornati al 2%. Non accadeva da ...