Grecia, una questione di onore

A
A
A

Il primo ministro greco conferma che la situazione è critica, bisogna intervenite per salvare il Paese indipendentemente dal costo politico che questo comporterà. In presenza degli ispettori Ue ribadisce che la Grecia si risolleverà da sola.

di Giacomo Berdini26 febbraio 2010 | 13:30

Questo è il momento di focalizzarsi sulla sopravvivenza stessa della nazione.
Con queste parole il primo ministro greco George Papandreou ha ammesso di fronte al Parlamento come le peggiori paure sull’economia del Paese si siano infine avverate.
Ora il costo politico non ha più importanza, ma è necessario intervenite per impedire alla Grecia di cadere nel baratro.

In occasione della visita degli ispettori dell’Unione europea, Papandreou ha voluto sottolineare la situazione drammatica in cui verte la nazione: “La storia ha confermato le nostre peggiori paure”, ha affermato continuando ad insistere sul fatto che la Grecia deve trovare le forze per sollevarsi da sola: “nessun altro paese pagherà per il nostro debito, è una questione di onore, un motivo di orgoglio per il nostro paese quello di rimettere la situazione dei conti in ordine”, ha dichiarato.

Secondo alcune indiscrezioni il governo greco presenterà la prossima settimana un nuovo pacchetto di misure che dovrebbe ridurre la spesa di 2/2,5 miliardi di euro e, allo stesso tempo, secondo una fonte interna all’esecutivo, l’emissione di un bond decennale prevista per questa settimana è stata rimandata alla prossima; l’offerta dovrebbe attestarsi tra i 3 e i 5 miliardi di euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Pioneer, liquidatore fondi Madoff chiede chiarimenti

Portafogli dei big a prova di deflazione

Stress test, sotto accusa sei banche tedesche

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

La Fed perde l’ottimismo: la crescita è a rischio

Vigilanza Ue, ora la palla passa all’Ecofin

Banche, addio ai bonus senza regole

Ti può anche interessare

ForbesLIVE a Quant 2018 per il futuro della finanza

Si è chiuso venerdì il Quant 2018, il Quantitative and Asset Management Workshop, uno dei principa ...

Un fintech tailor made per il futuro delle banche

Dal World fintech report 2018 emergono tre considerazioni ...

Credem, rivoluzione consulenza a 360°

Il network dei “global financial planner”, appena presentato dall'istituto, punta a offrire ai ...