Btp, insolita vendita a Ferragosto favorita da rendimenti e spread ai minimi

A
A
A
di Stefano Fossati 11 Agosto 2020 | 12:30

“L’Italia prevede un’insolita vendita di obbligazioni nel periodo di Ferragosto, perché i rendimenti e gli spread rimangono bassi”. E’ quanto sottolinea Darrell Delamaide, analista di it.investing.com.

I dubbi degli investitori sulla ripresa economica continuano a spingere al ribasso i rendimenti sia dei Bund tedeschi che dei Treasury statunitensi. Tuttavia lo spread tra titoli di stato decennali tedeschi e italiani resta al di sotto di 160 punti base perché il pacchetto “recovery” da 750 miliardi di euro dell’Unione Europea e gli acquisti della Bce fungono da sostegno.

Il bund decennale è sceso a meno 0,55% la scorsa settimana prima di terminare la settimana a circa 0,50%. Il rendimento del Btp a 10 anni ha chiuso la settimana allo 0,57%, vicino al minimo storico dello 0,52% registrato all’inizio della settimana.

I rendimenti sono aumentati dopo che il rapporto sulla disoccupazione di luglio ha mostrato che l’economia statunitense ha registrato 1,76 milioni di posti di lavoro aggiuntivi nel mese e il tasso di disoccupazione è sceso al 10,2%, di nuovo un numero molto vicino a una cifra singola dopo l’11,1% di giugno.

Il calo dei rendimenti obbligazionari italiani e la necessità di fondi per combattere l’impatto della pandemia – nota l’esperto – stanno spingendo il governo ad effettuare la prima vendita di obbligazioni in circa 10 anni durante le festività di Ferragosto, un periodo in cui praticamente di solito l’intero paese chiude.

Il Tesoro italiano non ha reso nota l’ampiezza della vendita, ma gli analisti si aspettano che un’asta raccolga 8 miliardi di euro distribuiti su varie scadenze, come tre, sette e 15 anni. Anche Germania, Francia e Spagna venderanno fino a 22 miliardi di euro di obbligazioni nelle prossime due settimane, poiché la pandemia stimola le vendite in quello che di solito è un periodo tranquillo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il Btp a 50 anni: richieste per 130 miliardi

L’effetto di SuperMario sui bond governativi. I nuovi corporate sotto la lente

Mario Draghi: l’uomo giusto, nel posto giusto, al momento giusto

NEWSLETTER
Iscriviti
X