Hedge – bfinance, le fees tornano a livello pre-crisi

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 2 Marzo 2010 | 15:30
La società indipendente di consulenza ha pubblicato i dati della sua ricerca annuale in merito alle commissioni degli hedge. Il tempo delle commissioni scontate sugli hedge è passato, ma la crescente attenzione degli investitori sull’impiego diretto di prodotti hedge potrebbe far scendere ulteriormente le fees dei fondi di fondi hedge.

Quest’oggi bfinance, società indipendente di consulenza finanziaria, ha presentato i risultati della seconda ricerca globale annuale condotta sulle fees percepite dagli hedge funds e dai fondi di fondi hedge, col fine di individuare i trend recenti e le aspettative future per quanto riguarda i livelli delle commissioni.

La ricerca è stata realizzata mediante un’indagine diretta condotta tra dicembre 2009 e gennaio 2010, recapitando le domande ad un campione di 96 single managers di hedge funds e fondi di fondi sparpagliati tra le isole Cayman, Lussemburgo, Usa, Francia, Canada, UK, Irlanda, Guernsey, Bermuda e Finlandia, per un totale di capitale gestito di 674 miliardi di euro.

I risultati salienti dello studio hanno mostrato che le commissioni degli hedge funds stanno ritornando ai livelli pre-crisi, mentre sono in calo quelle dei fondi di fondi hedge più deboli.
Le fees delle strategie alternative passive sono calate in conseguenza della ripresa del mercato e della crescente competizione, e risultano in calo anche le performance fee degli hedge ma solo nella fascia più alta, situazione che non ci si aspetta duri in futuro.
Nel dettaglio, infatti, l’88% dei gestori dichiara che non abbasserà dai livelli del 2010 né la management fee (1,5-2%), né la performance fee (20%); nel 2009 il 56% degli intervistati aveva dichiarato la stessa cosa.
Il 44% dei gestori nel 2009 aveva anticipato un calo delle commissioni, ma ora solo il 12% prevede una diminuzione per quest’anno.

Per quanto riguarda le strategie, sono quelle passive a rivelarsi più economiche e, buttando un occhio al futuro, il 51% degli intervistati ritiene che le commissioni rimarranno invariate nel corso dei prossimi sei mesi. Il restante 49% stima al contrario un calo.
La ricerca di bfinance, inoltre, ha rilevato che il 29% degli hedge fund managers considera la possibilità di offrire uno sconto sulle commissioni, mentre il 71% sarebbe disposto a farlo per un lock up di 3 anni.

Il Managing Director a capo della divisione ricerche di bfinance, Olivier Cassin, ha commentato:
“Mentre nel corso della crisi abbiamo assistito ad una diminuzione delle commissioni degli hedge funds e dei fondi di fondi hedge, soltanto le fees di questi ultimi potrebbero subire un’ulteriore diminuzione”, spiega. Di conseguenza, “L’opportunità di assicurarsi commissioni scontate da parte dei principali fondi hedge è ormai passata”.
Tuttavia bfinance ha osservato come la propria clientela sia sempre di più alla ricerca di investimenti diretti nel settore degli hedge, “mettendo crescente pressione sulle commissioni dei fondi di fondi hedge”, conclude Mr. Cassin.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

In bfinance arrivano Morgan e Rose per seguire l’Italia

Gli psicologi scelgono bfinance per la consulenza negli investimenti

Fondi pensione verso una gestione “attiva”

NEWSLETTER
Iscriviti
X