TheSpac porta Franchi Umberto Marmi sul mercato Aim

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 20 Agosto 2020 | 08:30

TheSpac porta il marmo di Carrara a Piazza Affari. La Special Purpose Acquisition Company promossa dagli imprenditori Marco Galateri di Genola e Vitaliano Borromeo-Arese Borromeo con l’avvocato Giovanni Lega, ha annunciato che si è conclusa con successo la procedura di approvazione della Business – Combination con Franchi Umberto Marmi, azienda leader nel settore della lavorazione e della commercializzazione del marmo di Carrara, dato che il numero delle azioni oggetto di recesso è risultato inferiore al 30% del capitale sociale.

In data 12 agosto 2020 si è infatti chiuso il periodo per l’esercizio del diritto di recesso che, sulla base delle indicazioni pervenute alla società, è stato esercitato per 1.622.700 azioni ordinarie, rappresentanti il 27,045% del capitale sociale ordinario di TheSpac, per un complessivo controvalore pari a 16.064.730 euro calcolato al valore di liquidazione di Euro 9,900 per ciascuna azione.

Poiché il numero delle azioni oggetto di recesso è inferiore al 30% del capitale sociale, non si è verificata la condizione risolutiva prevista dall’articolo 7 dello statuto sociale, cui erano soggette le delibere di approvazione della business combination.

Al 31 dicembre 2019 Franchi Umberto Marmi ha registrato un valore della produzione pari a 65,2 milioni di euro con CAGR 2017-2019 pari al 13%, un adjusted EBITDA pari a 27 milioni euro (41,3% Adjusted EBITDA margin), un utile netto pari a 16,6 milioni (25,4% sul valore della produzione) e una posizione finanziaria netta positiva per 6,4 milioni di euro.

Si prevede che l’operazione possa giungere a completamento presumibilmente entro la fine del mese di ottobre 2020 con la quotazione di Franchi Umberto Marmi sul mercato AIM Italia.

Marco Galateri, presidente e promotore di TheSpac, ha così commentato: “Siamo molto soddisfatti: la positiva conclusione del periodo di esercizio del diritto di recesso e l’approvazione della business combination da parte dell’Assemblea del 25 luglio rappresentano per noi un grande risultato che ci ripaga del lavoro degli ultimi due anni. Abbiamo individuato la società Franchi Umberto Marmi SpA dopo un’accurata fase di ricerca e selezione e da quel momento non abbiamo avuto dubbi sul suo valore: è un’azienda storica, con un business solido, consolidato e prospettive di lungo periodo, che lavora un prodotto unico e richiesto in tutto il mondo, dove viene esportato oltre il 90% della produzione ed è riconosciuto come uno dei simboli inimitabili della bellezza e del lusso Made in Italy. Queste sono le caratteristiche che hanno spinto i promotori a credere fermamente in questo progetto, in cui essi stessi hanno investito una quota rilevante fiduciosi che il mercato, alla ricerca di eccellenze italiane presenti a livello internazionale, l’avrebbe apprezzato, nonostante per le Spac questo sia un periodo sicuramente complicato a causa dell’incertezza del quadro economico mondiale. Noi promotori abbiamo investito direttamente in TheSpac con l’obiettivo di esser parte di un progetto di medio-lungo termine. Metteremo a disposizione di Franchi Umberto Marmi la nostra esperienza di imprenditori di lungo corso, oltre che un importante network internazionale di contatti, per dare ulteriore impulso alla crescita dell’azienda e renderla ancora più competitiva sul mercato”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Intermonte pronta a debuttare a Piazza Affari

Mercati: l’Aim si conferma in forte crescita

Mercati, Intermonte: ecco i dettagli dell’Ipo

NEWSLETTER
Iscriviti
X