La Cina potrebbe prendere il controllo di Bitcoin

A
A
A
di Stefano Fossati 24 Agosto 2020 | 13:00

Secondo Chris Larsen, executive Chair e co-founder di Ripple, la Cina potrebbe prendere il controllo di bitcoin. In una lettera aperta pubblicata dal giornale The Hill – riporta The Cryptonomist – il manager evidenzia lo strapotere dei miner e in particolare il fatto che la Cina detiene il 65% di hash power.

Di conseguenza, il governo di Pechino potrebbe decidere di controllare queste macchine collocate nel Paese e prendere di fatto il controllo di bitcoin, ad esempio rendendo reversibili le transazioni.

Larsen – classificato da Forbes nel 2018 come l’uomo più ricco del settore crypto, con un patrimonio stimato di 8 miliardi di dollari – invita quindi i regolatori a spostare il baricentro di bitcoin nella Silicon Valley per facilitare la regolamentazione in ambito blockchain.

Larsen – sottolinea lo stesso The Cryptonomist – non è il primo a parlare di un rischio di centralizzazione del mining: lo fece ad esempio Jimmy Song, core developer di bitcoin, in un post su Medium in cui spiegava però che un vero attacco alla rete non sarebbe possibile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute, Ray Dalio promuove il Bitcoin sul palco di Davos

Criptovalute, Bitcoin: ecco la classifica delle “balene”

Criptovalute, Bitcoin in calo: rischio default per El Salvador

NEWSLETTER
Iscriviti
X