Area euro, i rendimenti core restano stabili

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 24 Agosto 2020 | 18:30

I rendimenti dei benchmark dell’Area euro si non si muovono in maniera rilevante da diversi mesi. Lo rileva Florian Späte, Senior Bond Strategist di Generali Investments, aggiungendo che i rendimenti dei Bund a 10 anni sono rimasti intrappolati in un range compreso tra -0,6% e -0,3%.

Le speranze per una graduale risoluzione della crisi correlata al virus devono costantemente fare i conti con i timori di una seconda ondata. È improbabile che questo modello cambi presto, di conseguenza l’esperto prevede che i rendimenti core dell’Area euro per il momento rimarranno intorno ai livelli attuali.

In realtà, questa stabilità maschera una tendenza che si prevede continuerà per un po’. Mentre i rendimenti reali a 10 anni sono scesi di oltre 70 punti base da marzo, le aspettative sull’inflazione sono aumentate di oltre 60 punti base. Tuttavia, gli swap sull’inflazione a 10 anni sono ancora solo intorno all’1%. Ciò non riflette adeguatamente la situazione dell’inflazione a lungo termine né i rischi di inflazione associati all’orientamento estremamente espansivo di politica fiscale e monetaria.

Sebbene un ritorno ai livelli pre-crisi appaia fuori portata, per lo meno tra gli acquisti in corso da parte della Bce vi è un certo margine di manovra per un aumento delle aspettative di inflazione. Al contrario, i rendimenti reali sono ancora al di sopra dei livelli pre-crisi, il che contraddice le aspettative di una crisi economica grave e duratura.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Rischi per l’Europa, forte peggioramento degli squilibri di crescita e stabilità fiscale

Economia europea verso la depressione, crolla il Pmi a marzo

In arrivo stimoli di politica monetaria e fiscale nell’Area euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X