Reti verso la quotazione, prima Ipo “benefit” IT sull’Aim Italia

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 26 Agosto 2020 | 10:30

Reti, tra i principali player italiani nel settore dell’IT Consulting, specializzata nei servizi di System Integration, annuncia di aver presentato a Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie sull’Aim Italia.

Costituita a Busto Arsizio nel 1994, Reti supporta le Mid & Large Corporate nella trasformazione digitale, offrendo servizi di IT Solutions, Business Consulting e Managed Service Provider, realizzati attraverso le principali Key Enabling Technologies (Ket). La Società vanta un portafoglio di oltre 100 clienti altamente fidelizzati principalmente operanti nei settori IT spending quali Bfsi, IT, Telco e Manufacturing, oltre a consolidate partnership di lunga durata con i principali IT Vendor internazionali (Microsoft, Apple, Cisco, Oracle…).

Caratteristica distintiva della società è il “Campus Tecnologico“, laboratorio interno di innovazione tecnologica e ricerca suddiviso in sei centri di competenza: Cloud, Business & Artificial Intelligence, Cybersecurity, Project Management & Business Analysis, Erp e IoT. Reti basa il proprio successo sulla capacità di unire in maniera virtuosa e strutturata la scelta delle tecnologie, la formazione continua del personale, lo sviluppo delle proof of concept e la realizzazione degli stress test all’interno dei laboratori del Campus Tecnologico dove nasce l’innovazione. Nel 2019 Reti ha realizzato ricavi per 21 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al 2018, con un Ebitda di 2,2 milioni (10,3% Ebitda Margin).

L’azienda è precursore di un sistema fondato sulla sostenibilità e sulla creazione di valore per la totalità degli stakeholder. Per questo motivo Reti è diventata una società benefit, una forma societaria a scopo di lucro caratterizzata da un livello più alto di trasparenza e accountability. La forma giuridica di società benefit dà agli investitori la certezza che un’azienda mantenga la responsabilità di perseguire la propria missione nel futuro. Reti ha inoltre pubblicato il primo Esg report e ha intrapreso il percorso per l’ottenimento della qualifica B-Corp. Una “B-Corp Certificata” è una società – certificata dalla no profit Usa B Lab – che soddisfa rigorosi standard di scopo, responsabilità e trasparenza e deve raggiungere gli obiettivi di performance determinati da B Lab e misurati attraverso lo standard internazionale B Impact Assessment.

Il commitment Esg di Reti si fonda su 4 pilastri.
• Interdipendenza: rafforzare legame con il territorio e sostenere la formazione e l’ingresso nel mondo del lavoro di nuove generazioni e categorie svantaggiate.
• Persone: realizzare un sistema di welfare per i propri dipendenti per valorizzare e favorire lo sviluppo delle competenze e l’attrazione di talenti.
• Soluzioni di business: creazione di soluzioni e servizi innovativi e sostenibili, con impatto positivo di carattere sociale e ambientale.
• Ambiente: adozione di politiche di utilizzo responsabile delle risorse naturali e che riducano l’impatto ambientale.

“Siamo la prima società benefit del settore IT che si quota su Aim Italia. Mettiamo a disposizione dei nostri clienti oltre 25 anni di track record e offriamo soluzioni all’avanguardia e completamente customizzate”, spiega Bruno Paneghini, Presidente e Amministratore Delegato di Reti. “Il nostro Campus Tecnologico ci consentirà di ricercare costantemente la massima eccellenza all’interno dei sei centri di competenza. Continueremo a incentrare il nostro business sull’ascolto e sul convolgimento della totalità degli stakeholder, seguendo e alimentando la strada della sostenibilità che ci caratterizza. La quotazione rappresenta per noi un’opportunità per accelerare ulteriormente il nostro percorso di crescita, aprendo il capitale a tutti coloro che, credendo nel nostro progetto, intendono condividere con noi il nostro ruolo di innovatori nel mondo dell’IT Consulting”.

L’operazione di quotazione sul mercato Aim Italia, interamente in aumento di capitale, è rivolta a investitori istituzionali italiani ed esteri e a investitori professionali e al dettaglio. Scopo della quotazione è sostenere una strategia di M&A e l’attività di R&D oltre che ad accelerare il percorso di crescita organica fondato sullo sviluppo del Campus Tecnologico e delle strategie Esg, investimenti nel personale, scouting di nuove partnership strategiche e potenziamento della forza vendita.

Il range di prezzo è stato fissato tra un minimo di 1 euro e un massimo di 1,20 euro.

Nell’operazione di ammissione all’Aim Italia Reti è assistita da Integrae Sim (Nomad e Global Coordinator), Banca Valsabbina (co-lead manager), Directa Sim (Collocatore online), IR Top Consulting (Advisor Finanziario), Grimaldi Studio Legale (Advisor Legale), Rödl & Partner (Advisor Fiscale), Audirevi (Società di Revisione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, ABP Nocivelli: domani il debuto all’Aim

Borsa, Abitare In passa lunedì dall’Aim allo Star

Borsa Italiana, lo Star… superstar del 2020. L’Aim regge l’impatto del Covid

NEWSLETTER
Iscriviti
X