Fondi Pir tradizionali, ancora deflussi per 24 milioni a luglio

A
A
A
di Stefano Fossati 31 Agosto 2020 | 15:00

La raccolta dei fondi Pir tradizionali (3.0) a luglio è stata ancora negativa per 24 milioni, vanificando i saldi positivi di aprile e maggio, quando i prodotti sembravano aver imboccato la via del recupero dopo un primo trimestre complesso (-234 milioni) a causa della pandemia Covid-19. Il saldo da inizio anno è pari a -196 milioni.

Oltre al fattore stagionale, che non ha favorito nuove sottoscrizioni verso questi strumenti, gli analisti di Equita ritengono che a pesare sia anche un approccio ancora molto conservativo nelle scelte di investimento da parte della clientela retail a causa dell’incertezza causata dal Covid-19. Per capire l’andamento dei prodotti bisognerà aspettare i mesi autunnali.

Gli stessi analisti si aspettano che nella seconda parte dell’anno le reti torneranno a intensificare nuovamente gli sforzi commerciali sul prodotto, dato che il nuovo impianto dei Pir (3.0), in vigore dallo scorso gennaio, è valido per il rilancio dei prodotti. Atteso quindi un ritorno a una raccolta netta positiva per i Pir tradizionali, seppur limitata dato il contesto di mercato ancora molto incerto.

Sui Pir alternativi, i prodotti sono in fase di lancio, quindi in Equita non si aspettano flussi significativi nel 2020 ma un impatto più marcato dal 2021 in avanti. “Per i Pir alternativi stimiamo una raccolta netta di 2-3 miliardi all’anno fino a raggiungere Aum di 10-15 miliardi in cinque anni“, concludono gli analisti di Equita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, primo closing per l’Eltif di Equita

Unicredit e Mps, tra entusiasmi e ottimismi

Mercati, automotive: ecco su cosa puntare e cosa invece evitare

NEWSLETTER
Iscriviti
X