Yen sui minimi degli ultimi 16 mesi contro euro dopo l’addio di Abe

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 1 Settembre 2020 | 10:40

Le dimissioni di del premier Shinzo Abe in Giappone per motivi di salute stanno provocando un ribasso dello Yen nel cambio con le altre principali divise internazionali. A cominciare dal cross con la Moneta Unica: l’Eur/Jpy, allunga così il passo all’interno del canale ascendente iniziato nei primi giorni dello scorso mese di maggio.

L’attuale ministro delle Finanze Taro Aso sembra il successore più probabile a detta degli osservatori, ma circolano anche i nomi di altri candidati come Yoshihide Suga (segretario generale del Governo), l’ex ministro della Difesa Shigeru Ishiba, il ministro della Difesa Taro Kono o Kishida Fumio, leader politico del Partito Liberal Democratico del Giappone cui appartiene Shinzo Abe.

Dal punto di vista dei mercati finanziari il maggiore interrogativo rimane sul proseguimento della controversa “Abeconomics, la strategia di Abe che puntava a mescolare politica monetaria, fiscale e di crescita per sostenere lo sviluppo economico di Tokyo.

I prossimi obiettivi tecnici dell’Euro/Yen

Una volta eventualmente scongiurata la possibile formazione di un doppio massimo a ridosso della resistenza di breve termine a quota 126,80, l’Eur/Jpy potrebbe proseguire nell’uptrend con obiettivi a 127,50 in prima battuta e 128,60/129 in seguito. Stop loss o stop and reverse invece al cedimento confermato di quota 125,50.                                   G.R.

Il trend dell’Eur/Jpy nel medio periodo

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il Giappone rallenta e aspetta le mosse del nuovo premier

Consulenti, il futuro del Giappone nel dopo Abe

Giappone, l’Abenomics continuerà anche senza Abe

NEWSLETTER
Iscriviti
X