Covid, gli italiani questa estate hanno risparmiato 1700 euro

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Settembre 2020 | 15:00

Quasi un terzo delle persone a livello globale ha dichiarato di essere stato costretto a cancellare le prenotazioni dei propri viaggi (30%) per l’estate 2020. Il 45% ha rivelato di essere troppo preoccupato per la partenza dei viaggi internazionali (73%) a causa del Covid-19. E’ quanto emerge da una ricerca dell’azienda fintech tedesca N26, riportata da The Cryptonomist.

In alcuni casi gli interessanti hanno dovuto rinunciare ai soldi versati come caparra o per l’acquisto dei titoli di viaggio: prenotazioni e biglietti vengono infatti rimborsati solo per cause di cosiddetta forza maggiore, ma se il viaggiatore decide di disdire per un timore personale, mentre il servizio rimane usufruibile, non si ha diritto ad alcun rimborso.

Tuttavia, stando ai dati emersi dalla ricerca, gli italiani hanno risparmiato per le mancate partenze estive e i piani cancellati mediamente 1.727 euro a testa (contro i 1.942 euro a livello europeo), soldi che circa il 57% degli intervistati ha già deciso di utilizzare per viaggi futuri.

Coloro che invece non hanno avuto diritto a nessun rimborso hanno perso circa 651 euro a causa delle cancellazioni (673 euro in Europa). Ma l’attuale crisi sanitaria ha anche influenzato la scelta delle mete preferite per le vacanze estive, con quasi la metà del totale degli intervistati che quest’anno aveva in programma di effettuare un grande viaggio all’estero (43%), ma solo nel 20% i piani sono rimasti invariati.

Il 58% degli intervistati ha invece deciso di passare le vacanze nel proprio Paese a causa della paura di incorrere in maggiori rischi di contagio in Paesi esteri (46%). In questi casi, il 31% degli italiani ha preferito mete marittime, il 23% ha optato per la montagna, il 21% per il Sud Italia e il 15% ha deciso di visitare una città o il Centro Italia.

Tuttavia, la crisi sanitaria ed economica ha costretto molti degli intervistati a rimanere a casa, rinunciando così a qualsiasi spostamento per motivi economici e ipotizzando un viaggio invernale (12%) o un grande viaggio da rimandare al 2021 (20%).

In alcuni casi la crisi ha colpito così duramente da costringere alcune persone a richiedere un supporto finanziario, misura a cui a livello globale ha ricorso il 23% degli intervistati. Il 28%, infatti, ha chiesto aiuto alla propria famiglia o ha approfittato delle misure messe in campo dai governi, mentre un altro 20% ha fatto affidamento sugli amici.

Se in alcuni Paesi la motivazione principale è da attribuire alla perdita del proprio posto di lavoro, in Italia (dove il governo ha bloccato i licenziamenti fino al 16 novembre 2020), si chiede aiuto principalmente a causa dei tagli salariali (20%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X