La reflazione è ancora in atto. L’analisi di State Street

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 7 Settembre 2020 | 13:30

“L’interazione tra la tradizionale sovraperformance dei dati e l’indebolimento degli alternative data rende difficile stabilire a che punto siamo nel cammino verso la ripresa. Ci siamo concentrati molto sulla forma della curva dei rendimenti reali come indicatore delle aspettative di ripresa. In particolare un’impennata della curva che rappresenta lo spread tra i rendimenti dei titoli di Stato Usa indicizzati all’inflazione (Tips) a 5 e a 30 anni è per noi un segnale rialzista che riflette l’aumento dell’inflazione nei prossimi cinque anni, anche se la sottoperformance dei rendimenti reali di lungo periodo si presta a molteplici interpretazioni”. E’ l’analisi di Marvin Loh, senior multi asset strategist di State Street Global Markets.

“Per il momento – conclude l’esperto – questo continuo irripidimento della curva va a vantaggio dei settori ciclici rispetto ai titoli difensivi, ed è indicativo del fatto che le aspettative continuano a essere per uno scenario economico reflattivo“.

Fonte: State Street Global Markets, Bloomberg

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Reflazione, come affrontarla secondo Ethenea

Portafogli, Schroders: ecco come posizionarsi per il ritorno dell’inflazione

Inflazione: un rischio per i mercati?

NEWSLETTER
Iscriviti
X