Forbis: “Psd2 e rivoluzione open banking nell’Ue, un fallimento annunciato”

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 8 Settembre 2020 | 18:30

La seconda direttiva sui servizi di pagamento (Psd2) dell’Unione europea aveva lo scopo di eliminare il monopolio delle banche sui dati dei propri clienti. Il passaggio all'”open banking” avrebbe dovuto innescare una rivoluzione nei servizi finanziari, mettendo dornitori di servizi di pagamento e aziende fintech più piccole e innovative su un piano di parità con le banche e i gestori di moneta elettronica.

Una maggiore concorrenza porterebbe ai clienti servizi e condizioni migliori. Le soluzioni tecnologiche introdotte nel settore renderebbero i pagamenti più trasparenti e più sicuri, eliminando ad esempio lo “screen scraping”, in cui gli utenti devono fornire a terzi il proprio nome utente e password di servizi bancari.

“L’idea, sbandierata con squilli di fanfare, appariva molto ambiziosa e decisamente positiva”, spiega Anton Zujev, fondatore del Gruppo Forbis, che realizza piattaforme IT per il settore bancario internazionale da tre decenni e gestisce l’istituto di moneta elettronica Contomobile. La promessa dell’open banking era che fornitori di servizi terzi come Contomobile potessero integrarsi con qualsiasi banca in Europa per gestire i pagamenti, ad esempio, per un negozio online di articoli sportivi in ​​Lituania, che avrebbe quindi potuto vendere e ricevere pagamenti da acquirenti ovunque nell’Ue. Il problema è che non funziona.

“Nello sviluppare tutti i nostri sistemi per allinearli alle regole dell’open banking, ci siamo imbattuti nel fatto che è stato fatto molto rumore per nulla. La direttiva Psd2 è mal redatta e incompleta. È assurdo. Sono convinto che il progetto di open banking dell’Ue non abbia futuro se non vengono apportate modifiche fondamentali”, afferma Zujev.

Non è cambiato nulla

La data di inizio della rivoluzione dell’open banking nell’Ue, quando le istituzioni che detengono i conti correnti avrebbero dovuto dovevano dare accesso ai dati a qualsiasi operatore autorizzato dal cliente tramite un’interfaccia di programmazione dell’applicazione o Api, era il 14 settembre 2019. Il grande giorno è stato piuttosto tranquillo, ricorda Jelena Michailova, responsabile di Contomobile: nonostante un anno di intensi preparativi e test, quasi nessuno era pronto a condurre transazioni reali in quel momento. Ci sono voluti molti altri mesi per arrivare a vedere un’attività significativa.

Prima della Psd2, le terze parti potevano concordare con le singole banche l’accesso per rendere possibili i servizi di pagamento. L’open banking avrebbe dovuto rendere inutile questi sforzi caso per caso standardizzando e unificando l’accesso alle informazioni sui conti in tutta l’Ue. Tuttavia non è stato così.

“Invece di rigide regole universali per l’interfaccia, i test e la sicurezza, abbiamo ottenuto specifiche che sono più a livello di raccomandazioni, con aspetti opzionali, in cui ogni attore alla fine interpreta e implementa le cose a modo suo”, afferma Michailova. Le Api di open banking oggi mostrano differenze e specifiche che variano da Paese a Paese, se non addirittura per ogni singola istituzione.

Dal momento che ogni Api è diversa, l’integrazione con ogni istituto che detiene i conti correnti richiede ancora un lavoro specifico per le terze parti. “Devi bussare a ogni porta, farti aprire e fare dei test”, dice la direttrice di Contomobile. Ogni integrazione richiede in genere circa 10 giorni lavorativi, con i relativi costi. E ognuna deve essere mantenuta e aggiornata quando le banche apportano modifiche, il che spesso accade due volte all’anno o più.

Un business non sostenibile

Una situazione non facile per un piccolo operatore di mercato. Per gestire i pagamenti in tutta Europa per un negozio online, un tipico servizio di open banking di un’azienda come Contomobile dovrebbe integrarsi con diverse migliaia di banche. Zujev stima che tale impegno costerebbe complessivamente tra i 50 ei 100 milioni di euro. “Non c’è alcuna possibilità. La piena integrazione non ha economicamente senso. Nessuno investirà dei soldi per attuare questa direttiva a livello generale in tutta Europa”, sottolinea il fondatore di Forbis.

I fornitori di terze parti si stanno dimostrando selettivi riguardo ai soggetti con cui si integrano, considerando ogni istituzione come un investimento che deve garantire un numero sufficiente di potenziali clienti. Gli istituti di moneta elettronica e altre istituzioni non titolari di conti bancari generalmente non sono nel loro radar. Tanto più che la maggior parte dei clienti ha anche un conto presso una delle principali banche. Michailova cita casi di istituti di moneta elettronica a cui è stato chiesto da terze parti di pagare per l’integrazione se desiderano implementarla.

“Vogliamo far capire all’Europa che ciò che chiama ‘open banking’ è una falsa novità, una bolla di sapone. E non ha futuro. Si scopre che l’open banking nell’Ue è un progetto per due, tre, quattro, forse 10 banche e non ha nulla a che fare con un sistema di pagamento europeo comune“, afferma Zujev.

Invito a cambiare

È necessario intavolare una discussione seria su come rilanciare il progetto di open banking dell’Ue, sottolinea Zujev. La stessa Forbis ha avanzato due proposte specifiche per migliorare la gestione degli standard e dell’accesso. Uno è quello di introdurre uno standard Iso per l’open banking nell’Ue, una specifica rigida e universale: “Proprio come con le notifiche Sepa, basate sullo standard Iso 20022, per le quali tutto è chiaro. Fai il lavoro una volta e sai che funzionerà sempre. Dovrebbe essere lo stesso per l’open banking”.

L’altra proposta, certamente ambiziosa, è quella di fornire a ogni operatore dell’open banking un unico punto di accesso. “Una terza parte si collegherebbe alla sua banca centrale o al fornitore del sistema di pagamento Sepa e sarebbe in grado di accedere a tutte le banche europee. Facile e chiaro. Sarebbe una vera rivoluzione dell’open banking”, afferma Zujev. “Questo è un momento chiave”, aggiunge. “Possiamo lasciare che il progetto di open banking dell’Ue fallisca o trasformarlo in un successo per l’economia europea e l’industria dei servizi finanziari globali”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intesa-Ubi, volemose tanto bene

Creval, Crèdit Agricole ferma i rilanci

Banche, la preoccupante mutazione in “negozi finanziari venditutto”

NEWSLETTER
Iscriviti
X