Tremonti, riforma fiscale e regole comunitarie

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 15 Marzo 2010 | 10:15
Il ministro dell’Economia, intervenuto al Forum di Confcommercio, promette la riforma fiscale entro due o tre anni, poi parla della crisi spiegando come l’Europa dovrebbe avere regole comunitarie per i mercati.

Presso il Forum di Confcommercio a Cernobbio, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti caldeggia l’urgenza di una riforma del sistema fiscale:
“Dobbiamo fare la riforma fiscale, lo sappiamo: credo che due o tre anni sia il tempo giusto, discutendo con tutti”. Questo è l’impegno che il governo si assume, attraverso le parole del ministro che, tuttavia, non specifica quali siano i criteri della riforma: “bisogna allinearlo al sistema economico e sociale del Paese”, dice.

“L’attuale sistema fiscale è stato disegnato negli anni Sessanta”, afferma, “e messo in legge negli anni Settanta, poi continuamente rattoppato e non so con quanta efficacia: non possiamo proseguire con un sistema vecchio di mezzo secolo”, attesta.
In ogni caso, prosegue Tremonti, “noi non abbiamo aumentato nessuna aliquota e non abbiamo introdotto nuove tasse: è aumentato il gettito dai giochi e il gettito derivato dallo scudo fiscale non è una nuova imposta”, specifica il titolare dell’Economia con la solita arringa sui meriti del governo per tirare acqua al mulino, senza astenersi dal rivolgere alcune parole alla crisi:
“Non potevamo fare di più”, asserisce, “a causa del debito più alto rispetto ad altri Paesi: l’Italia ha tenuto e terrà, non c’é stata una crisi sociale come invece poteva esserci. Abbiamo fatto bene a rifiutare l’avventurismo, il deficitismo e il costruttivismo economico sperimentale che ci veniva proposto”, ribadisce Tremonti, che chiude con una stoccata: “I governi hanno dato alla finanza soldi per salvarsi, la finanza usa ora questi soldi per speculare contro i governi”.
Il ministro allora propone la sua richiesta d’intervento per risolvere la presente situazione, ovvero “avere regole europee sui mercati” azionari e, soprattutto, per i derivati. “L’ideale sarebbe avere regole universali e generali, ma se è impossibile perché non si trova un’intesa, allora sarebbe intelligente mettersi d’accordo almeno Europa su Europa”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X