Tremonti, riforma fiscale e regole comunitarie

A
A
A

Il ministro dell’Economia, intervenuto al Forum di Confcommercio, promette la riforma fiscale entro due o tre anni, poi parla della crisi spiegando come l’Europa dovrebbe avere regole comunitarie per i mercati.

di Giacomo Berdini15 marzo 2010 | 10:15

Presso il Forum di Confcommercio a Cernobbio, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti caldeggia l’urgenza di una riforma del sistema fiscale:
“Dobbiamo fare la riforma fiscale, lo sappiamo: credo che due o tre anni sia il tempo giusto, discutendo con tutti”. Questo è l’impegno che il governo si assume, attraverso le parole del ministro che, tuttavia, non specifica quali siano i criteri della riforma: “bisogna allinearlo al sistema economico e sociale del Paese”, dice.

“L’attuale sistema fiscale è stato disegnato negli anni Sessanta”, afferma, “e messo in legge negli anni Settanta, poi continuamente rattoppato e non so con quanta efficacia: non possiamo proseguire con un sistema vecchio di mezzo secolo”, attesta.
In ogni caso, prosegue Tremonti, “noi non abbiamo aumentato nessuna aliquota e non abbiamo introdotto nuove tasse: è aumentato il gettito dai giochi e il gettito derivato dallo scudo fiscale non è una nuova imposta”, specifica il titolare dell’Economia con la solita arringa sui meriti del governo per tirare acqua al mulino, senza astenersi dal rivolgere alcune parole alla crisi:
“Non potevamo fare di più”, asserisce, “a causa del debito più alto rispetto ad altri Paesi: l’Italia ha tenuto e terrà, non c’é stata una crisi sociale come invece poteva esserci. Abbiamo fatto bene a rifiutare l’avventurismo, il deficitismo e il costruttivismo economico sperimentale che ci veniva proposto”, ribadisce Tremonti, che chiude con una stoccata: “I governi hanno dato alla finanza soldi per salvarsi, la finanza usa ora questi soldi per speculare contro i governi”.
Il ministro allora propone la sua richiesta d’intervento per risolvere la presente situazione, ovvero “avere regole europee sui mercati” azionari e, soprattutto, per i derivati. “L’ideale sarebbe avere regole universali e generali, ma se è impossibile perché non si trova un’intesa, allora sarebbe intelligente mettersi d’accordo almeno Europa su Europa”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Pioneer, liquidatore fondi Madoff chiede chiarimenti

Portafogli dei big a prova di deflazione

Stress test, sotto accusa sei banche tedesche

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

La Fed perde l’ottimismo: la crescita è a rischio

Vigilanza Ue, ora la palla passa all’Ecofin

Ti può anche interessare

La finanza digitale secondo Consob

Uno studio per parlare delle scelte strategiche che gli intermediari finanziari (prime tra tutti le ...

Pimco si rafforza con due gestori

Adam Iqbal con l'incarico di executive vice president e gestore e Michael Davidson con l'incarico di ...

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Una nuova funzionalità integrata all’interno dell’app Intesa Sanpaolo Mobile ...