Hong Kong, la nuova colonia cinese

A
A
A

Ormai appare chiaro come il governo di Pechino stia mirando ad assorbire totalmente l’economia di Hong Kong, attraverso il controllo dei lavori pubblici e un’influenza politica sempre più pressante.

Avatar di Giacomo Berdini15 marzo 2010 | 10:00

Nonostante siano passati ben 12 anni dalla cerimonia che segnò la fine del periodo coloniale di Hong Kong, nel 1997, l’autonomia della penisola sembra tutt’altro che scontata.
Non è la bandiera del’impero britannico a dominare la metropoli, bensì quella della Repubblica Popolare cinese che sembra avere il chiaro disegno di integrare fino in fondo il presidio di Hong Kong, lasciando solo la sensazione di un’autonomia amministrativa più formale che sostanziale.

Questa situazione può essere innanzitutto evinta dalla posizione del governatore Donald Tsang, continuamente richiamato all’ordine dai mandarini del governo pechinese, che di fatto hanno il potere di eleggerlo. Le loro preoccupazioni in questo periodo si concentrano attorno alle manifestazioni di piazza dei dissidenti di Hong Kong che chiedono più diritti umani e meno ingerenze di partito.
Un altro esempio chiaro delle intenzioni cinesi è il colossale progetto finanziato al 100% dalla Cina per la costruzione di una superstrada lunga 50 km sospesa sull’acqua che, attraverso il ponte più lungo del mondo, collegherà Hong Kong e Pechino in meno di mezz’ora di macchina, il tutto previsto in consegna per il 2016.

A livello politico, infatti, le due nazioni sembrano già indissolubilmente unite.
Quando il leader cinese Hu Jantao ha annunciato una stretta creditizia per scongiurare i rischi dell’inflazione e del crack di un’economia in forte crescita, ecco che il governatore Tsang si è presentato nell’aula del Parlamento di Hong Kong recitando un discorso sui rischi della bolla immobiliare nella sua città-Stato, questo nonostante le più importanti società immobiliari di Pechino abbiano fatto miliardi quotandosi in borsa proprio ad Hong Kong.
 
In poche parole, se Pechino ordina, Hong Kong obbedisce.
La borsa di Shanghai ha annunciato un’alleanza “a tutti i livelli” con quella di Hong Kong, qualcosa simile ad un matrimonio, e i nuovi progetti di sviluppo del territorio e del turismo nelle diverse regioni della Cina, compreso il Ponte sul fiume delle Perle, sono tutti saldamente coordinati dal governo di Pechino.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Ti può anche interessare

Crisi di governo, ecco come difendere i risparmi

Liquidità, Btp o azioni? Non è facile la vita di chi vuole investire i risparmi tra guerre commerc ...

Bankitalia, stress e spread frenano la crescita

Un paese ancora con il freno a mano. E’ l’immagine che emerge dal Rapporto sulla stabili ...

Tinaba, in 3 anni bruciati 20 milioni

La app di pagmenti digitali lanciata da Arpe chiude anche il 2018 in perdita. Che si aggiunge ai pre ...