Terna, miglior Utility d’Europa

A
A
A
di Redazione 15 Marzo 2010 | 15:15
La società che gestisce la rete elettrica nazionale ha vinto il premio EEI International Utility Award, per via degli ottimi rendimenti conseguiti negli ultimi tre anni.

Terna, società che possiede e gestisce la Rete Elettrica Nazionale, è stata insignita del titolo di migliore tra le Utilities europee per rendimento totale del titolo degli ultimi tre anni.
L’amministratore delegato della società, Flavio Cattaneo (nella foto) ha ritirato oggi a Londra il prestigioso premio internazionale “EEI International Utility Award” poiché, secondo gli organi dell’EEI,  la società che amministra “è stata in grado di coniugare il proprio business regolamentato con un approccio imprenditoriale anche in altri settori. In tal senso, l’azienda è riuscita a valorizzare le attività brasiliane che sono state vendute a premio nel 2009”.

Nel periodo considerato, che va dal 29 dicembre 2006 al 31 dicembre 2009, infatti il rendimento totale del titolo Terna si è attestato a +40%, con circa 55 punti percentuali di sovraperformance rispetto al settore europeo che ha registrato un -15%.
L’International Utility Award rappresenta quindi un ulteriore riconoscimento per Terna, che aveva chiuso il 2009 come la migliore tra le utilities europee e si riconferma come esempio per i risultati conseguiti e per le strategie messe in campo dall’attuale management.

Flavio Cattaneo ha commentato: “Quello ottenuto oggi è un importante riconoscimento per tutti coloro che lavorano in Terna che ci rende particolarmente orgogliosi e ci fa guardare al futuro in modo positivo” ha dichiarato, “Ringrazio tutti i colleghi che insieme a me ogni giorno contribuiscono alla crescita del valore in azienda”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Terna: outlook positivo e conferma del rating da Standard Ethics

Ftse Mib in stand-by. Quattro big cap italiane sotto la lente

Rinnovabili, l’Ue alza al 55% il target sulla riduzione delle emissioni al 2030

NEWSLETTER
Iscriviti
X