Gli emergenti sono la strada per investire nell’hi-tech

A
A
A
Avatar di Marco Caprotti 29 Settembre 2020 | 18:30

A cura di Morningstar

I mercati emergenti e quelli mondiali sono pari (per un soffio) quando si parla di esposizione alla tecnologia. Almeno in termini settoriali. Analizzando i portafogli raccolti nella categoria Morningstar Global Emerging Markets, si nota un’esposizione netta media al segmento high-tech pari al 19%.

I 10 fondi EM più esposti al settore tecnologia
fond EM e tecnologia

L’interesse dei gestori emergenti non è molto diverso (22%) da quello dimostrato dai fondi che investono nel segmento growth a livello globale.

Il settore tecnologico rappresenta anche una quota importante dell’indice Morningstar EM: inferiore al financial service, ma superiore all’energy per i quali i mercati emergenti sono più famosi.

Esposizione settoriale dell’indice Morningstar EM
indice EM e settore tecnologia
Fonte: Morningstar Direct

Gli emergenti scavalcano l’Occidente…

“Diversi mercati emergenti sono oggi leader nell’innovazione e scavalcano l’Occidente in settori come l’e-commerce, i pagamenti digitali e il mobile banking. Riteniamo che questa tendenza sia destinata a proseguire”, spiega uno studio del del team Emerging Markets Equity di Franklin Templeton. “I mercati emergenti hanno superato gli Stati Uniti e il Giappone in termini di domande di brevetto. La crescita della spesa cinese per la ricerca e sviluppo ha ampiamente superato quella delle economie sviluppate. Molte società finanziarie che si occupano di prestiti hanno inoltre costruito ex novo piattaforme digitali agili, mentre i loro omologhi nei mercati sviluppati escono con fatica dai sistemi tradizionali”.

…ma i guadagni sono nei developed

Va precisato, tuttavia, che in termini di revenue (utilizzando il tool Revenue Exposure di Morningstar), i mercati emergenti sono meno emerging di quello che si possa pensare. Analizzando l’indice Morningstar EM Technology (dati relativi al secondo trimestre 2020. I dati vengono rielaborati ogni trimestre) emerge che:

  • se si sommano i ricavi generati nelle regioni Asia emergente, Europa emergente (che comprende anche la Russia), America latina, Medio Oriente e Africa si supera di poco il 30% (il 28,7% solo nei paesi dell’area Asia emergente che comprendono India e Cina);
  • oltre il 60%, invece, deriva dei mercati sviluppati come Stati Uniti, Europa, Regno Unito e Asia sviluppata (Taiwan, Singapore, Hong Kong, Corea del Sud).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, dagli emergenti più fiducia in un boom economico globale

Mercati, è il momento di guardare agli emergenti

Mercati emergenti, le cinque differenze rispetto al 2013

NEWSLETTER
Iscriviti
X