Grecia – Piani credibili, altrimenti fuori dall’euro

A
A
A
di Giacomo Berdini 17 Marzo 2010 | 13:30
Il presidente della Bundesbank sollecita Atene affinché predisponga piani concreti per la riduzione del deficit, e intanto il cancelliere tedesco caldeggia l’approvazione di una clausola per l’espulsione dall’euro dei paesi inadempienti.

I tedeschi insistono nella linea dura contro la Grecia. Oggi l’attacco è stato lanciato sia dalla Banca Centrale tedesca che dal governo.
“La Grecia deve predisporre un piano credibile e sostanziale su come ridurre il deficit”.
L’ha dichiarato Axel Weber, presidente della Bundesbank e membro del consiglio direttivo della Bce, intervenuto a Colonia.
Weber, sui bilanci dei paesi dell’Ue, ha chiesto “regole più credibili ed una sorveglianza più stringente”, rispedendo al mittente la proposta, avanzata dal Fmi, di alzare l’obiettivo di inflazione fissato dalle banche centrali.

Sempre dalla Germania, inoltre, è giunta la proposta di rendere possibile l’espulsione di un Paese inadempiente dalla zona euro. A sollecitare l’intervento è stata Angela Merkel, cancelliere tedesco, intervenuta al Bundestag (parlamento) quest’oggi:
“Nel futuro abbiamo bisogno di aggiungere nel trattato la possibilità, come ultima risorsa, di espellere un paese dalla zona dell’euro che per un lungo periodo di tempo non abbia rispettato i criteri richiesti”, ha dichiarato la Merkel.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti