Atlantia, vola dopo l’esclusiva a Cdp per l’88% di Aspi. I prossimi target

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 14 Ottobre 2020 | 10:30

Atlantia apre a Cdp: la holding dei Benetton ha concesso a Cassa Depositi e Prestiti un periodo di esclusiva per un’eventuale proposta per l’acquisto dell’intera quota dell’88,06% di Atlantia in Autostrade per l’Italia. Una mossa con cui il gruppo di Ponzano Veneto rimette la palla nelle mani del governo, tornato nelle ultime settimane a minacciare la revoca della concessione autostradale se non si fosse tornati al percorso stabilito con l’accordo del 14 luglio: a questo punto sta a Cdp formalizzare una proposta che possa essere giudicata accettabile da Atlantia. E a Piazza Affari il titolo supera il +10%.

“Il Consiglio di amministrazione di Atlantia (riunitosi lunedì, ndr) ha confermato la propria disponibilità a valutare un’eventuale proposta da parte di Cassa Depositi e Prestiti – unitamente ad altri investitori nazionali e internazionali – per un possibile accordo, relativo all’acquisto dell’integrale pacchetto azionario (pari all’88,06%) della controllata Autostrade per l’Italia, idoneo ad assicurare l’adeguata valorizzazione di mercato della partecipazione medesima”, si legge in una nota in cui sottolinea che “tale ipotesi è aderente alla lettera inviata da Atlantia al governo lo scorso 14 luglio ed in linea con le deliberazioni del Consiglio di amministrazione”.

Cassa Depositi e Prestiti godrà dunque di un “periodo di esclusiva” fino a domenica 18 ottobre: per il giorno successivo è già fissata la nuova riunione del Cda di Atlantia che dovrà quindi valutare l’eventuale offerta di Cdp. Per il 30 ottobre è invece convocata l’assemblea degli azionisti per votare il processo portato avanti fino a ora.

L’accordo sottoscritto dalle parti il 14 luglio scorso prevede la cessione dell’intero 88% di Atlantia a Cdp e investitori istituzionali di suo gradimento oppute, in alternativa, la scissione della controllata autostradale. Dopo la rottura del mese scorso, egli ultimi giorni erano ripresi i contatti fra Atlantia e Cdp.

Il quadro tecnico di Atlantia

Dal punto di vista tecnico il titolo Atlantia sta beneficiando di un rimbalzo dopo la conferma della tenuta in area 13 euro del supporto dinamico ascendente di medio termine. Un movimento che ha spinto i corsi a incrociare al rialzo a quota 13,50 la media mobile a 21 sedute a 13,95 euro l’analoga media a 50 sedute e che, vista l’ancora ampia distanza dalla zona di ipercomprato degli indicatori tecnici, favorisce un ulteriore allungo.

In quest’ottica i prossimi target tecnici del titolo sono individuabili in prima battuta a 15,70 euro, dove ora transita la resistenza dinamica discendente che dall’inizio dello scorso giugno impedisce ai corsi di intraprendere uno stabile uptrend e in seguito (eventualmente dopo una fase laterale di breve termine) a 17 euro, dove a inizio marzo era stato aperto un gap ribassista. Stop loss da posizionare però a quota 14,60.

Il trend di Atlantia a Piazza Affari nelmedio termine

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Atlantia, Aspi: dopo le manette Cdp si tira indietro? Governo all’angolo

Aspi, scattano le manette: arrestati l’ex Ad Castellucci e altri manager. Atlantia in calo

Atlantia, avanti con lo spin-off di Aspi. Offerta vincolante di Cdp in arrivo il 28 ottobre?

NEWSLETTER
Iscriviti
X